Alessandro, 34enne di Latina: «Così ho sconfitto il Coronavirus. Ora avrò molto da riflettere»

video
di Marco Cusumano
Stava tornando a casa dal lavoro quando improvvisamente ha cominciato ad avere difficoltà a respirare. E' iniziata così la brutta avventura di Alessandro Fondaco, fisioterapista 34enne di Latina, guarito dal Covid-19 dopo un trattamento farmacologico anti HIV e malaria. Ha voluto raccontare la sua esperienza sui social con la speranza che «possa esser d'aiuto», oltre che per uno sfogo personale assolutamente comprensibile.

LEGGI ANCHE Coronavirus, fratellini in quarantena da soli. Nonna morta, mamma ricoverata: tutto il paese li aiuta

«Giovedì 12 marzo - racconta Alessandro - mentre tornavo da lavoro ho iniziato ad avvertire difficoltà a respirare, non un semplice affanno tipo quando si sale le scale o quando si ha l'ansia. Avevo la sensazione di respirare vapore acqueo. Ho iniziato a tossire e sentire sintomi influenzali quali brividi di freddo, ipersensibilità cutanea e dolori articolari. Preoccupato soprattutto per la difficoltà nella respirazione, ho sentito il medico e in serata mi è stato fatto il tampone. Il giorno dopo l'esito era positivo. Nel frattempo mi era salita anche qualche linea di febbre».

La paura a quel punto è inevitabile. «Mi sono sforzato di stare calmo, il primo pensiero è stato e adesso quante persone avrò contagiato?. Il sabato sono stato contattato dall'ufficio igiene della Asl e ho stilato una lista di persone con cui sono stato a stretto contatto per far partire la quarantena. Nel frattempo ho iniziato la terapia antivirale: un farmaco per l'HIV e uno per la malaria. Mi hanno dato molta nausea, ma con un gastroprotettore sono riuscito a tenerla a bada tutto sommato».

Un trattamento farmacologico che fortunatamente ha avuto una risposta positiva, evitando il ricovero ospedaliero. «Io sono stato fortunato - spiega Alessandro - me la sono cavata con isolamento domestico, qualche linea di febbre e tosse. Al momento sto bene e ne sono uscito, essendo risultato negativo agli ultimi due tamponi. Sicuramente avrò molto da riflettere. Quello che vi voglio dire però è che non si scherza con questa cosa, non prendetela alla leggera! E se voi avete un sistema immunitario forte e potete essere fortunati come me, potreste mettere in serio pericolo le persone che vi sono vicine. Io ho contagiato due persone: vi assicuro che non è affatto piacevole fare i conti con questo».

Infine l'appello più importante: «State a casa, proteggete voi stessi e i vostri cari. Bisogna agire adesso perché non è detto che vada tutto bene, siamo noi che dobbiamo far sì che #andràtuttobene».
 
Ultimo aggiornamento: Sabato 28 Marzo 2020, 13:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA