Italia senza zona rossa. Lazio zona gialla da domenica? Numeri in bilico

Video
di Francesco Malfetano

Tre regioni sperano di tornare in giallo e, forse, nessuna in rosso. A meno di 48 ore dal nuovo monitoraggio settimanale che gli esperti della cabina di regia illustreranno venerdì pomeriggio, è questa la geografia dei colori che va delineandosi per l'inizio di febbraio. Da domenica infatti, in base ai dati del monitoraggio raccolti tra il 18 e il 24 gennaio il Veneto potrebbe abbandonare l'arancione per raggiungere Campania, Basilicata, Molise, Provincia autonoma di Trento e Toscana in zona gialla. Ci sperano anche Lazio e Liguria che tuttavia restano in bilico: la loro fase di discesa dei parametri, necessaria a ridefinire l'assegnazione, è iniziata una sola settimana fa quando in realtà ne servono due. Un gruppone a cui potrebbero forse aggiungersi in molte, con in testa Emilia-Romagna, Marche e Sardegna, con quest'ultima interessata da un'operazione di rivalutazione dei parametri. Per la certezza assoluta è presto ma si può sperare in un alleggerimento delle restrizioni diffuso.

 

 

 

 

Lazio zona gialla, l'assessore D'Amato: «Test salivari agli studenti. Palestre e cinema riaperti? Presto per dirlo»

Zona arancione o gialla, cambiano colore Veneto, Friuli, Marche, Sardegna e Toscana? Lazio: «Zona bianca lontana»

 

Le promozioni

Nel Lazio ad esempio, si può guardare con fiducia a tutti e 3 i parametri principali: sono in calo sia il tasso di incidenza dei contagi ogni 100mila abitanti che i casi giornalieri quanto, soprattutto, il tasso di occupazione delle terapie intensive e dei ricoveri ospedalieri. In attesa dei numeri settimanali i dati regionali sono migliorati giorno per giorno tenendosi entro le soglie stabilite. Vale a dire che non superano il 30 per cento di occupazione per le terapie intensive, il 40 per cento per i posti occupati nei reparti ordinari e che l'indice Rt è sotto uno. Quest'ultimo già attestatosi a 0,94 la scorsa settimana rende ottimisti gli esperti della Regione. Tuttavia a frenare l'entusiasmo c'è la questione dei 14 giorni di permanenza in uno scenario di rischio inferiore rispetto a quello che ha determinato lo spostamento in fascia arancione. Un nodo che se i tecnici della Regione valutano aggirabile («È l'interpretazione di un cavillo» spiegano) in realtà potrebbe non essere così.
Un discorso simile interessa Veneto e Liguria, vantando entrambe dati in discesa. Il primo in particolare, come chiarito dal governatore Luca Zaia «da calcoli fatti in casa» avrebbe un «Rt pari a 0,62». A sperare nel salto però c'è anche l'Emilia-Romagna che ha tutti i dati in calo eccetto l'occupazione dei reparti di terapia intensiva, che rimane stazionario attorno al 30%, pochissimo sopra la media nazionale. Situazione differente per Sardegna e Marche. Se per quest'ultima il governatore Francesco Acquaroli ha già annunciato un dossier per chiedere al governo di far tornare le Marche in zona gialla, per la Sardegna la questione è complessa. «Abbiamo detto da subito che i calcoli che riguardano la Sardegna sono sbagliati - ha dichiarato il presidente della Regione, Christian Solinas - non esiste un rischio rispetto al carico delle terapie intensive in questo momento, perché abbiamo posti a sufficienza. Il calcolo e i numeri vanno valutati in maniera critica». In pratica nell'Isola il tasso di riproduzione di una malattia infettiva R0 sarebbe poco attendibile. «In Sardegna vi sono delle catene di trasmissione in alcune aree che inficiano il valore R0» ha detto il viceministro alla salute Pier Paolo Sileri, aprendo la porta alla rivalutazione dei parametri regionali. In aggiunta anche Friuli Venezia Giulia e Valle d'Aosta sono in pressing sul ministero per tornare a colorarsi di giallo, ma i numeri in questi casi sono meno evidenti.

Video


Le rosse

Fiducia anche per l'altra regione isolana. La Sicilia, ora in zona rossa per scelta del governatore Nello Musumeci, avrebbe ormai dati tali da permettere di essere reinserita in giallo. A chiarirlo è l'assessore alla Salute Ruggero Razza («I ricoverati sono il 3 per cento degli attuali positivi. In terapia intensiva si trovano 228 persone, l'1 per cento del totale dei positivi») che ha anche spiegato come «L'Isola si trovi al di sotto di entrambi i parametri» che riguardano la permanenza nelle strutture sanitarie. Un ottimismo che potrebbe interessare l'unico altro territorio in zona rossa, la provincia autonoma di Bolzano. La situazione qui però è più delicata perché a fronte di una buona risposta del sistema sanitario negli ultimi giorni sono saliti notevolmente i nuovi casi (addirittura +36% ieri). Numeri altalenanti che però non è detto siano sufficienti a tenere l'area in zona rossa.

Estate, riusciremo ad andare in vacanza? Ecco perché dovremo aspettare i dati di maggio


Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Gennaio 2021, 16:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA