Vittorio Vallarino Gancia, morto il re degli spumanti: aveva 90 anni. Nel '75 fu sequestrato dalle Brigate Rosse

Nel 1975 fu sequestrato dalle Brigate Rosse, che per la sua liberazione chiesero un miliardo di lire

Vittorio Vallarino Gancia, morto il re degli spumanti: aveva 90 anni. Nel '75 fu sequestrato dalle Brigate Rosse

di Redazione web

È morto a 90 anni Vittorio Vallarino Gancia, il re degli spumanti. Erede di Carlo Gancia, suo bisnonno, fondatore a metà dell'800 «dell'omonima azienda vitivinicola e inventore dello spumante». Vittorio Vallarino Gancia ha guidato l'azienda Fratelli Gancia di Canelli (Asti) fino al 1996, quando passò il testimone per diventarne presidente onorario.

Incidente tra auto e pullman, la vettura si accartoccia: Cinzia muore sul colpo, aveva 45 anni

Malore improvviso, l'attrice Emily Chesterton muore a 30 anni. Fan distrutti: «Eri meravigliosa»

Il sequestro lampo

Vallarino Gancia fu protagonista nel 1975 di un sequestro lampo da parte delle Brigate Rosse che per la sua liberazione chiesero un miliardo di lire. Gancia fu liberato il giorno dopo nel corso di un'operazione dei carabinieri in cui morirono l'appuntato dell'Arma, Giovanni D'Alfonso e la brigatista Margherita Cagol, moglie di Renato Curcio. Vittorio Vallarino Gancia per decenni ha guidato l'azienda di famiglia con sede ad Asti, in Piemonte.


Ultimo aggiornamento: Domenica 13 Novembre 2022, 21:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA