Torino, ucciso a 56 anni per una sigaretta. Fermato un ventenne, confessa: «Mi sono rovinato la vita»

Torino, ucciso a 56 anni per una sigaretta. Fermato un ventenne, confessa: «Mi sono rovinato la vita»

Brutale omicidio a Torino nella notte tra sabato e domenica. Tutto è nato da un'aggressione improvvisa a pugni e bastonate per futili motivi: il fatto di sangue è avvenuto intorno alle 4 nel quartiere Borgo Vittoria. La vittima è un uomo di 56 anni, Augusto Bernardi: la polizia ha fermato un ventenne italiano, Francesco Lo Manto, che abita al quarto piano di una casa popolare in via Villar, a pochi passi dal luogo del delitto.

15enne uccide il nonno e pubblica il video. Era stato rimproverato perché passava troppo tempo al cellulare

 

La vittima da un anno risiedeva in un monolocale in via Baracca, a diversi isolati di distanza. I vicini lo descrivono come «una persona gentile che salutava sempre». «L'ultima volta che l'ho visto - racconta uno di loro - è stata qualche giorno fa. Erano le cinque del mattino, lui stava rientrando in casa mentre io uscivo».

Bernardi aveva da poco venduto il suo appartamento attraverso un'agenzia immobiliare. È stato aggredito in piazza Vittoria, dove tutti i giorni (domeniche escluse) si tiene il mercato rionale. Il ventenne, secondo quanto hanno riferito i residenti, era sceso in strada in ciabatte, in piena notte, lasciando aperta la porta di casa. Prima di salire sull'auto della polizia ha chiesto agli agenti di recuperargli un paio di scarpe dall'appartamento. 

Il ventenne confessa: «Mi sono rovinato la vita»

«Ho ammazzato un uomo, mi sono rovinato la vita». È stata di questo tenore la confessione resa da Francesco Lo Manto, 20 anni, il giovane fermato dalla polizia nelle indagini sull'omicidio. Il giovane, difeso dall'avvocato Francesco Rotella, ha raccontato tra le lacrime la sua versione al pm Patrizia Gambardella durante l'interrogatorio.

Lo Manto ha spiegato di avere fumato del crack nel suo appartamento e di essere uscito sul balcone. A suo dire, la vittima dalla piazza gli avrebbe chiesto delle sigarette. Il giovane, quindi, è sceso. Ne è nato un diverbio, durante il quale Lo Monto avrebbe colpito l'uomo con schiaffi e pugni, senza usare il bastone che pure aveva con sé (l'oggetto si sarebbe spezzato urtando il marciapiede). Il giovane ha poi preso lo zaino della vittima e lo ha portato in cantina. Quando ha visto la polizia, è tornato in strada e si è consegnato agli agenti.


Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Luglio 2022, 17:19