Perseguitata dalle compagne di classe: aggressione choc fuori da scuola, tre ragazzine le strappano le unghie

Pugni, calci e intimidazioni continue. La giovane, di origine marocchina, costretta a vivere nella paura. La famiglia si è rivolta a un avvocato.

Perseguitata dalle compagne di classe: aggressione choc fuori da scuola, tre ragazzine le strappano le unghie

Non le è bastata la denuncia ai carabinieri per essere lasciata in pace. Una ragazzina di 15 anni - di origine marocchina - ha dovuto fare i conti con tre compagne che l'hanno presa di mira e aggredita più volte, con una brutalità tale da arrivare a strapparle le unghie dalle dita. È successo a Pinerolo (Torino).

Pompei, bambino picchiato dal branco: «Tra gli aggressori il figlio di un boss della camorra». Il video choc

Studenti sparano in classe al volto alla prof con una pistola ad aria compressa: il video choc finisce sui social

Cosa è successo

La prima aggressione è avvenuta il 26 ottobre. Tre contro una, la ragazzina è stata assalita mentre stava camminando per andare a prendere l’autobus che l'avrebbe riportata a casa. Prima è stata colpita in faccia con una palla, poi presa dai capelli, gettata a terra e presa a calci. Infine le hanno strappato via di forza le unghie finte, alle quali sono rimaste attaccate anche quelle vere, che sono venute via.

La terribile scena è stata ripresa da una quarta compagna, che ha poi mostrato il video ai professori. Lo stesso video è stato preso in consegna dai carabinieri, raccolto insieme alla denuncia dei genitori della ragazzina aggredita. Anche la scuola ha preso provvedimenti contro le tre bulle. Ma tutto ciò non è bastato a fermarle. Appena una settimana dopo è avvenuta una seconda aggressione, stavolta "solo" verbale: «Con me non la passi liscia», le ha detto una delle tre che l'avevano picchiata incrociandola nei corridoi di scuola.

Altre intimidazioni sono state ripetute il 9 novembre, tanto che i genitori hanno contattato di nuovo i carabinieri. Adesso il suo è diventato un caso mediatico. La famiglia si è affidata a un avvocato e adesso si aspetta ulteriori provvedimenti dell'istituto scolastico.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Novembre 2022, 14:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA