Torino, processo Cospito: anarchici in corteo e lancio di bombe carta. Fuori dal tribunale aggrediscono barista FOTO

Chiesto l'ergastolo per l'anarchico Alfredo Cospito, lui in aula: «Si è deciso di tapparmi la bocca»

Torino, processo Cospito: anarchici in corteo e lancio di bombe carta. Fuori dal tribunale aggrediscono barista FOTO

Un centinaio di manifestanti ha bloccato la carreggiata davanti all'ingresso dal Palazzo di Giustizia di Torino, dove è iniziata l'udienza d'Appello per gli anarchici Alfredo Cospito e Anna Beniamino militanti anarchici della Fai (Federazione anarchica informale). Una decina di antagonisti sono presenti in aula, mentre Cospito e Beniamino sono in collegamento dal carcere di Sassari e Rebibbia a Roma. 

 

Anarchici in corteo per le vie di Torino

Anarchici in corteo per chiedere la liberazione di Alfredo Cospito, per le vie di Torino. In circa 250 si sono mossi dal presidio davanti a Palazzo di Giustizia, dove si sta svolgendo l'udienza d'Appello. Apre il corteo un striscione rinforzato con dei pannelli, mentre in prima fila antagonisti indossano dei caschi. Alcune scritte sono state fatte sui muri delle banche, mentre un barista, che si era lamentato per gli atti vandalici, è stato malmenato. Sono stati accesi dei fumogeni e sono state fatte esplodere diverse bombe carta. Il corteo è arrivato in corso Regina Margherita, in direzione del mercato di Porta Palazzo. 

Chiesto l'ergastolo per Cospito

 Il procuratore generale Francesco Saluzzo a conclusione della sua requisitoria, durante l'udienza d'Appello che si sta svolgendo a Torino, ha chiesto per l'anarchico Alfredo Cospito l'ergastolo e dodici mesi di isolamento diurno per l'attentato alla scuola allievi dei carabinieri di Fossano (Cuneo), del 2005. Per la compagna di Cospito, Anna Beniamino Saluzzo la Procura ha chiesto 27 anni e un mese. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 5 Dicembre 2022, 14:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA