Fatima, bambina morta a Torino. L'autopsia: «Non è caduta durante un gioco»

Fatima, bambina morta a Torino. L'autopsia: «Non è caduta durante un gioco»

Escluse lesioni precedenti alla caduta, ma per il medico legale la versione del patrigno non torna

Si è conclusa l'autopsia sul corpo di Fatima Skika, la bambina di tre anni morta a Torino dopo essere precipitata dal balcone di casa al quinto piano, nel centro storico. Escluse lesioni precedenti alla caduta, ma secondo il medico-legale c'è qualcosa che non torna nella versione offerta dal patrigno, il 32enne Mohssine Azhar, accusato di omicidio colposo.

 

Leggi anche > Il dentista no-vax del braccio di silicone si è vaccinato: ora può riaprire il suo studio

 

Fatima, l'autopsia: «Escluse lesioni precedenti»

Non ci sono tracce di lesioni precedenti alla caduta sul corpicino di Fatima, la bimba di 3 anni morta a Torino dopo essere precipitata da un balcone al quinto piano di una palazzina del centro storico. È quanto ha appurato l'autopsia. Il dato sarà acquisito dagli inquirenti, che stanno svolgendo accertamenti sulla versione fornita dall'indagato: si tratta del compagno della madre, il quale ha detto che la bimba gli è scivolata di mano mentre stava giocando con lei sul balcone. Dall'esame medico-legale non emergono, a quanto si apprende, particolari che possano portare alla certezza che la piccina sia stata deliberatamente gettata nel vuoto: mancano, per esempio, segni che riconducano a un tentativo di resistenza o di opposizione. La bimba, durante la caduta, non sembra avere urtato nulla. Anche questo dettaglio potrà tornare utile.

 

Fatima, l'autopsia: «Non è caduta durante un gioco»

Il patrigno di Fatima, si trova attualmente in carcere dopo la convalida del fermo, anche se l'accusa è passata da omicidio volontario con dolo eventuale a omicidio colposo. L'uomo, a quanto si apprende, continua a sostenere, come raccontato davanti al gip sabato scorso, che Fatima gli è scivolata dalle mani mentre stavano giocando sul ballatoio e che la madre ha assistito alla scena, fino a quando il gioco si è trasformato in tragedia. Come fa sapere La Stampa, secondo il medico-legale Roberto Testi, la bambina non è caduta durante un gioco. La caduta non è stata infatti verticale, ma parabolica. Il corpo è stato trovato quasi al centro del cortile interno e non perpendicolarmente ai balconi. Le lesioni riportate inoltre escludono che la piccola, nella caduta, abbia sbattuto contro la tettoia, contro la ringhiera di sicurezza in metallo o contro la pensilina del ballatoio sottostante.

 

Fatima, in un video gli ultimi istanti della caduta

C'è un breve video con l'ultima fase della caduta di Fatima, la bimba di 3 anni morta a Torino dopo essere precipitata dal balcone al quinto piano di una palazzina del centro storico. Il filmato, realizzato da una telecamera di sorveglianza, sarebbe stato già acquisito dagli investigatori anche se, da quanto è trapelato, non rivela quasi nulla sulla dinamica. L'obiettivo era puntato verso il basso e dai pochissimi fotogrammi in cui compare la piccina si può percepire soltanto che la traiettoria, in quel momento, era verticale (dettaglio considerato poco importante data la distanza percorsa). Il compagno della mamma di Fatima, un trentatreenne, ha affermato che stava giocando con lei sul balcone quando le è scivolata dalle mani. La procura aveva disposto il fermo per omicidio volontario con dolo eventuale, ma il gip ha modificato il titolo di reato in omicidio colposo.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Gennaio 2022, 13:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA