Torino, accudivano 17 cani in un appartamento: scoperto canile abusivo

La legale rappresentante dell’associazione è stata sanzionata per l'apertura e la gestione di struttura di ricovero per cani senza Autorizzazione Sanitaria

Accudivano 17 cani in un appartamento: scoperto canile abusivo

Dopo alcune segnalazioni, risalenti a mesi fa, da parte dei residenti sull’ipotetica presenza di un canile abusivo all’interno di un condominio a Torino, sono partite lei indagini. Il luogo abusivo si trova al piano terra e piano interrato di un condominio di via Benevento e, subito, gli agenti della Polizia Locale, unitamente ai Medici Veterinari dell’ASL, hanno effettuato un primo sopralluogo, durante il quale, hanno riscontrato la presenza di 8 cani. Ma non è tutto. Come riporta La Stampa, è stato accertato accertato che i locali erano affittati ad un’associazione senza scopo di lucro che, secondo quanto dichiarato dalla Legale Rappresentante, utilizzava i locali esclusivamente per l’educazione e la riabilitazione dei cani da affezione. 

Leggi anche > Controlli in spiaggia, sequestrati ombrelloni abusivi a Torre dell'Orso

Qualche giorno dopo, nel mese di maggio, dopo aver esaminato anche la documentazione fornita successivamente dall’Associazione, gli agenti hanno effettuato una nuova ispezione insieme al personale veterinario dell’ASL. E stavolta la scoperta è stata peggiore: ad attenderli nell’unità immobiliare di circa 140 metri quadrati, c’erano 17 cani. Tutti i quattrozampe avevano dei chip ed erano liberi di circolare all’interno dei locali, tenuti in scarse condizioni igienico sanitarie. Sui pavimenti del piano terra c'erano molte deiezioni e nell'aria c'era un odore acre dovuto anche alla scarsa pulizia degli animali.  

La legale rappresentante dell’associazione è stata sanzionata per l'apertura e la gestione di struttura di ricovero per cani senza Autorizzazione Sanitaria, titolo necessario per la gestione e accoglienza di cani in numero superiore a 5, e per detenzione di 2 animali non registrati all'anagrafe canina, per un totale di quasi 600 euro. 

L'epilogo

L'ASL ha emesso un'ordinanza per cui i ‘civich’ hanno chiuso l’attività abusiva di ricovero di animali, chiusura che di fatto è stata eseguita nei giorni scorsi con la restituzione degli animali ai rispettivi proprietari e lo sgombero dei locali da parte dell’associazione


Ultimo aggiornamento: Sabato 27 Agosto 2022, 19:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA