Cose da maschi, cose da femmine

Video
di Barbara Gubellini

Non correre come un maschiaccio! Che fai? Piangi come una femminuccia? Quante volte le abbiamo sentite queste frasi? Stanno alla nostra infanzia come le ginocchia sbucciate, le caramelle o la maestra che ci chiama alla lavagna. E forse le ripetiamo ai nostri figli. Così, senza pensarci. Frasi innocue, direte voi. E invece no: appartengono alla famiglia dei cosiddetti “stereotipi di genere”, quelli su cui attecchisce la disparità tra uomo e donna, tanto per capirci. Le “cose da femmina” e le “cose da maschio” sono proprio lo zoccolo duro della disparità. Tutto parte da lì: la scelta dei giochi, da piccoli, (guerra e azione=maschi, cura e bellezza=femmine), il nostro percorso di studi (la scienza è “roba da maschi”, no? Peccato che il Nobel 2020 per la Chimica è andato a due donne!), fino al lavoro che troveremo -o che non troveremo (in Italia lavora meno del 50% delle donne)-.

 

Ma voi lo sapevate che in Svezia -paese sempre in vetta alle classifiche europee sulla parità di genere-, a scuola tutti, maschi e femmine, studiano sia cucito che falegnameria? Poi, a 14 anni, devono scegliere una delle due materie e -udite, udite- ci sono ragazze che preferiscono chiodi e martello ad ago e filo e viceversa. E nessuno si stupisce.

 

Oggi una delle promesse mondiali dell’arrampicata sportiva è una 19enne di Roma, si chiama Laura Rogora e io sono sicura di una cosa: quando era piccola, al parchetto, nessuno le ha mai urlato: “Laura, scendi da quell’albero, non fare il maschiaccio!


Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Febbraio 2021, 11:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA