«Saluto romano non è reato», in due assolti dall'accusa di apologia del fascismo

Il saluto romano non è reato. Manuela Leotta, ex assessore del Comune di Diano Castello (Imperia), esponente di Forza Nuova, e il sanremese Eugenio Ortiz sono stati assolti dall'accusa di apologia del fascismo dopo aver fatto il saluto romano e gridato "presente" durante una celebrazione presso il cimitero di Sanremo in memoria dei caduti della Repubblica sociale italiana. Per il giudice monocratico del Tribunale di Imperia «Il fatto non costituisce reato». 

Saluti romani al corteo per Sergio Ramelli, tutti assolti in appello
Predappio, migliaia di nostalgici alla tomba di Mussolini: saluti fascisti e magliette “Salvini santo subito”
Lazio, saluti romani: Lotito evita la stangata, la Uefa chiude la curva Nord per il match con il Celtic
 






 
Giovedì 7 Novembre 2019, 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA