Roma, donna violentata in Centro: aggressore denunciato e rimesso in libertà dopo poche ore

L'uomo è un 38enne di origine indiana che bivacca sempre nella stessa zona

Roma, donna violentata in Centro: aggressore denunciato e rimesso in libertà dopo poche ore

di Emilio Orlando

L'ha aggredita, spinta dentro un vicolo in pieno giorno e poi l'ha palpeggiata. È la storia dell'orrore, raccontata questa mattina in esclusiva su Leggo, avvenuta nel cuore del Tridente, nel Centro di Roma, vicino ai palazzi istituzionali supersorvegliati. Ancora una violenza sessuale di un uomo, di origine indiana di 38 anni, contro una donna, un'impiegata 40enne italiana che stava rincasando: lui le è saltato addosso, ha iniziato a strattonarla, palpeggiarla e poi ha provato con la sua forza a trascinarla in una via traversa.

L'intervento dei turisti

A strapparla da quella violenza disumana alcuni turisti che stavano aspettando l'autobus: non si sono tirati indietro davanti a quella scena, non si sono girati dall'altra parte ma hanno deciso di intervenire, di soccorrere quella donna mettendo in fuga l'aggressore. Poi, subito dopo, l'arrivo provvidenziale dei carabinieri.

Roma choc, donna violentata in via Barberini: soccorsa dai turisti. Ma senza video non fa notizia

Aggressore rimesso in libertà

L'uomo è stato individuato dai carabinieri della stazione di via Veneto poco distante dal luogo della violenza. Il sostituto procuratore di turno ha disposto per lo straniero la denuncia a piede libero senza misure cautelari.

Le indagini ora proseguono per cercare di capire se il trentottenne di origine indiana, che bivacca sempre nella stessa zona, abbia preso di mira anche altre donne che, specie la sera, si attardano negli uffici. 

 

Bordoni (Lega): «Inaccettabile che aggressioni sessuali passino sotto silenzio»

«Inaccettabile che l'aggressione sessuale ai danni di una donna italiana avvenuta in pieno centro a Roma sia passata sotto silenzio per una settimana. Oggi ne dà notizia il quotidiano online Leggo - dice Davide Bordoni, dirigente della Lega nella Capitale - L'aggressore, un uomo di origini indiane ubriaco, è stato arrestato, la donna salvata dai turisti. La nostra Capitale continua ad essere una città pericolosa, sporca, degradata. Per la Lega la sicurezza e il decoro delle nostre città restano al primo posto, la protezione e la sicurezza delle donne non sono negoziabili. Dobbiamo investire di più nelle tecnologie, accendere più telecamere, assumere e investire più risorse nelle nostre forze dell'ordine. Basta con il buonismo dei perbenisti. Servono pene più severe per chi molesta le donne, per chi stupra o spaccia, e se a delinquere sono immigrati irregolari vanno espulsi immediatamente dal nostro Paese».

Durigon (Lega): «Dove sono il sindaco Gualtieri, Zingaretti e il ministro Lamorgese?»

«Ora basta. Dove sono il sindaco Gualtieri, Zingaretti e il ministro Lamorgese?». Lo scrive il deputato e coordinatore Lega del Lazio, Claudio Durigon in merito alla vicenda della donna aggredita in via Barberini a Rom a fine agosto. «Troppo impegnati a fare campagna elettorale a Letta su patrimoniale, ius scholae e liberalizzazione cannabis? La verità è che hanno fallito totalmente anche con la gestione della sicurezza ma il danno non può e non deve ricadere sui romani o su chi si reca in città in vacanza. La Lega, a differenza loro, lo ha dimostrato ampiamente, lo sa fare. Dal 25 settembre mandiamo a casa il Pd, restituiamo sicurezza ai cittadini e ai nostri turisti».

De Priamo (FdI): «Vicini alla donna aggredita»

«Siamo ancora in attesa di vedere il nuovo corso di Roma Capitale che era stato promesso in campagna elettorale. E, mentre delle promesse di rilancio della città non c'è traccia, continuano a verificarsi gravi episodi di violenza». Lo dichiara il consigliere capitolino di Fratelli d'Italia e Presidente della Commissione Trasparenza Andrea De Priamo, candidato al Senato. «Siamo vicini - continua - alla donna aggredita in via Barberini, in pieno centro, a Roma e salvata grazie all'intervento di alcuni turisti accortisi dell'aggressione e che hanno scongiurato il peggio. Ma la situazione sicurezza a Roma ha raggiunto livelli di allarme e, mentre continuiamo a chiederci se e come il ministro Lamorgese e il sindaco Gualtieri intendano intervenire, chiediamo con urgenza la convocazione di un Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica sugli episodi di violenza che continuano a verificarsi a Roma, ormai diventata la Capitale dell'insicurezza».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 5 Settembre 2022, 17:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA