Patrigno orco violenta la figliastra di 12 anni: gli abusi «accanto alla madre che dormiva»

La giovane, che vive con il padre e fa visita alla madre saltuariamente, era stesa vicino alla donna, quando l'uomo si sarebbe avvicinato

Patrigno orco violenta la figliastra di 12 anni: gli abusi «accanto alla madre che dormiva»

Condannato in primo grado a quattro anni di carcere per violenze sessuali. Il colpevole è un 52enne di Cori, un paese in provincia di Latina. La vittima una ragazzina di nemmeno 12 anni, la figliastra dell'uomo, violentata mentre dormiva accanto alla madre. Una storia nata in un contesto di degrado e che aveva un pregresso fatto di botte, alcol e altre violenze.

Coppia aggredita in casa nella notte: lui accoltellato, lei violentata. Gli aggressori (immigrati) filmano la scena e scappano

Stupro a Monza, donna aggredita in pieno centro da un 26enne di origine marocchina: arrestato

La ricostruzione

«Mentre eravamo sul letto mi ha infilato le mani nel pigiama e ha iniziato a toccarmi», ha raccontato la ragazzina, riferendosi a un fatto successo nel 2021, quando aveva solo 11 anni. La coppia conviveva in una casa a Norma. Entrambi possessori di reddito di cittadinanza. La donna (56 anni) ha denunciato anni di violenze e ha spiegato di aver vissuto in uno stato di paura e turbamento, per colpa dell'uomo, spesso alterato a causa di alcol e droga. La violenza sulla ragazzina risalirebbe al luglio del 2021.

La giovane, che vive con il padre e fa visita alla madre saltuariamente, era stesa vicino alla donna, quando l'uomo si sarebbe avvicinato e approfittando del sonno profondo della compagna, avrebbe cominciato a toccare la figliastra nelle parti intime. L'uomo si trova agli arresti domiciliari dal giorno della denuncia, proprio per impedirgli di reiterare il reato e per tutelare le due parti offese. La condanna a 4 anni in primo grado tiene conto dello “sconto” garantito dal rito abbreviato chiesto e ottenuto dalla difesa.


Ultimo aggiornamento: Domenica 18 Settembre 2022, 19:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA