Ultrà della Roma arrestati prima del derby: armati di mazze e coltelli. Ecco chi sono, c'è anche un "figlio d'arte"

I quattro, che avevano già avuto il Daspo in passato non potranno più prendere parte a qualsiasi evento legato alla Roma

Ultrà della Roma arrestati prima del derby: armati di mazze e coltelli. Ecco chi sono, c'è anche un "figlio d'arte"

Quattro ultrà della Roma sono stati fermati domenica prima del derby, colpevoli di girare armati di mazze da baseball e coltelli. Dopo l'allarme lanciato della Digos, sono stati bloccati dalla volante della polizia, mentre erano a bordo di una Peugeot 208, in una zona nota per essere frequentata da laziali. 

Tra gli arrestati oltre a Francesco Ardu, Massimiliano Corelli, Fabrizio Ferrari, compare anche Niko Zappavigna, figlio di Paolo, ex storico capo ultrà romanista morto in incidente stradale nel 2004.

Incidente sulla Palombarese, travolto mentre cammina sul ciglio della strada: morto 50enne, investito da un pensionato

Professoressa fuma cannabis con gli studenti minorenni, l'accusa choc di un alunno: «Mi ha offerto anche la cocaina»

Arrestati prima di Roma-Lazio

Lunedì il magistrato, Francesca Berni, durante il processo per direttissima, ha convalidato l'arresto. Al termine dell'udienza sono stati rilasciati in attesa di processo, scrive Repubblica. Li difenderà l'avvocato Lorenzo Contucci, storico penalista che si occupa di vicende legali collegate ai tifosi. I quattro, che avevano già avuto il Daspo in passato (Ferrari lo aveva ancora attivo), non potranno più prendere parte a qualsiasi evento legato alla Roma. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Novembre 2022, 15:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA