Covid, Totti e quel silenzio doloroso

Covid, Francesco Totti e il suo doloroso silenzio

Francesco Totti, dopo la tragica scomparsa del papà affetto da Covid-19 e l’assenza al Festival del Cinema dove il film sulla sua vita ha fatto il boom, da due giorni non posta più sui social dove l’ultima storia riguarda un siparietto con Bobo Vieri. Un’anomalia visto che negli ultimi tempi, soprattutto su Instagram, Totti era presente con storie, commenti e tag con la moglie Ilary. Anche lei in un silenzio che ha generato alcune domande tra tifosi e addetti ai lavori sulle condizioni della famiglia "reale" di Roma.

 

Leggi anche > È morto Enzo Totti, il papà di Francesco aveva contratto il Covid-19. Era ricoverato allo Spallanzani

 

Un periodo difficile per Totti che ha compiuto quarantaquattro anni lo scorso 27 settembre, e ha perso solo pochi giorni fa il padre Enzo, proprio a causa delle conseguenze legate al Covid. Lo sceriffo, questo il soprannome del padre del capitano, era stato ricoverato allo Spallanzani per giorni, ma non è riuscito a vincere la battaglia contro il virus. Proprio a seguito della morte del papà, Totti aveva preferito non partecipare alla presentazione del documentario di Alex Infascelli dedicato proprio alla vita del Capitano: "Mi chiamo Francesco Totti” che ha raccolto oltre 600 mila euro in soli tre giorni di programmazione prima della chiusura forzata dalle sale.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre 2020, 18:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA