Terme di Caracalla, ora si visita la domus "dove vivevano gli dei"
di Valeria Arnaldi

Terme di Caracalla, ora si visita la domus "dove vivevano gli dei"


Un'antica domus con affreschi unici, riscoperta a metà dell'800 poi interrata, riportata alla luce negli anni 70 e ora, dopo studi e messa in sicurezza, finalmente aperta al pubblico. È di età adrianea la costruzione che, nuovamente visitabile, rende ancora più ricco il percorso di visita delle Terme di Caracalla. Grazie al lavoro della Soprintendenza Speciale di Roma, l'iter consente di indagare nuove storie del monumento, guardando anche alla vita della città.
«Gli affreschi che tornano visibili appartenevano a un edificio sito in un quartiere che agli inizi del III secolo venne distrutto per far spazio alle Terme di Caracalla dice Daniela Porro, Soprintendente Speciale di Roma . In questo modo i visitatori, oltre alla bellezza e all'interesse di queste pitture, potranno cogliere le trasformazioni della città antica».
A quella di età adrianea, visibile nel grande ambiente, che mostra prospettive architettoniche popolate da figure umane, statue e felini, se ne sovrappone un'altra, posteriore di una cinquantina di anni, con divinità del pantheon greco-romano ed egizio. «La presenza in un ambiente di Giove, Giunone e Minerva con Anubi, Iside e probabilmente Serapide spiega Mirella Serlorenzi direttore Terme di Caracalla è il segno del sincretismo religioso tipico dell'antica Roma».


BUS VIRTUALE. Non l'unica novità nei percorsi archeologici della Capitale. Roma Imperiale - Virtual Reality Bus, concepito come una mostra in movimento e immersiva, è il bus, appena inaugurato, che, con partenza da piazza della Madonna di Loreto, ogni giorno, attraverserà l'area archeologica centrale, permettendo di vederla com'era, tramite ricostruzioni in 3d e, per la prima volta, con tecnologia VR visor free, ossia con ricostruzioni su schermi Oled sovrapposti ai finestrini. Senza trascurare suoni, musica e fragranze.


CELIO. E domani inizia anche Estate alle case romane del Celio, con visite, spettacoli, giochi e degustazioni nell'area archeologica tra le fondamenta della Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio. Per indagare storia e storie della città.
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Giugno 2022, 07:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA