Subito al via 21 progetti
per il verde in periferia

Dalle Tre Fontane a villa Flora e a Tor Tre Teste: già investiti 63 milioni di euro

Subito al via 21 progetti per il verde in periferia

di Emiliano Pretto

Emiliano Pretto

Riqualificare e rendere più attraenti 100 parchi romani, con riforestazioni, creando percorsi interni, piazzette, aree ludiche e piste ciclabili o valorizzando i reperti archeologici presenti in molti di questi. Partendo dai primi due: villa Flora, nel XII Municipio, dove rinascerà il giardino storico e saranno riqualificate l’area ludica e quella per i cani, e il parco Tre Fontane, nel VIII Municipio, dove si interverrà per ricucire lo spazio del verde urbano con le aree agricole, potenziando anche la rete ciclopedonale. Tutto intorno alla storica abbazia. Non sarà un percorso breve ma la strada per la rinascita di tante aree verdi nella Capitale è stata indicata ieri nel corso della presentazione del progetto “100 Parchi per Roma”, avvenuta alla presenza del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, e dell’assessora all’Ambiente, Sabrina Alfonsi. Il piano prevede la rigenerazione e la valorizzazione di 100 tra parchi e aree verdi, in 10 anni, partendo dai primi 21 per cui sono già pronti circa 63 milioni di euro. Su sedici di questi i lavori sono imminenti: oltre a villa Flora e il parco delle Tre Fontane, dove i cantieri si apriranno nel 2024, nel corso dell’anno partiranno le procedure di gara per l’affidamento dei lavori anche per l’area verde di via Valsolda, il parco Caio Sicinio Belluto, quello di via degli Alberini, l’area verde di via M. Candia e il parco Madre Teresa di Calcutta. Ed ancora: il parco degli Acquedotti, il giardino Pisino, il parco della Romanina, quello dei Ravennati, il Parco Cesare Pavese, l’area di piazza Augusto Lorenzini, villa Veschi, il parco della Cellulosa e il Giardino Lucchina. «Roma- ha commentato il sindaco- è una città verde e agricola ma ha una fruibilità di queste aree molto scarsa: va fatto un lavoro di ricucitura. Nelle periferie, poi, ci sono spazi che non sono parchi. Dobbiamo renderli tali. Partiamo con prima tranche di 21 interventi, per arrivare a cinquanta in questa consiliatura. Su altri cinquanta interverremo nella successiva. Ma non partiamo da zero perché in questi primi anni abbiamo già restituito alla città 7 parchi, e sono partiti i lavori su un'altra quindicina».

riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio 2024, 06:00