Roma, ventenne adescata da un altro turista e stuprata con l'amico nell'ostello delle suore

Adescata da un ragazzo, aveva avuto con lui un rapporto consenziente. Poi in camera è arrivato anche l'amico e sarebbe scattata la violenza sessuale di gruppo

Ventenne adescata da un altro turista e stuprata con l'amico nell'ostello delle suore

Aveva conosciuto un ragazzo, turista a Roma come lei, e complice l'alcol era anche scattato un certo feeling. Alla fine, si erano ritirati in una stanza all'interno di un convitto gestito da suore, in zona Esquilino, ed è qui che è iniziato l'incubo per una turista norvegese ventenne. La ragazza, infatti, ha denunciato di essere stata stuprata da quel giovane e da un amico di lui.

Leggi anche > Ventenne denuncia stupro fuori dalla discoteca: l'albanese accusato non andrà in carcere

Roma, l'incubo della turista adescata e violentata

Tutto era iniziato quando la giovane ha conosciuto un altro turista e coetaneo, di nazionalità danese. Lui l'aveva invitata, mercoledì sera, a bere qualcosa in un pub. Alla fine, la ragazza aveva accettato di passare la notte con il giovane danese e c'era stato un primo rapporto, consenziente. Poco dopo, però, il ragazzo aveva chiamato in stanza un amico e i due, insieme, l'avrebbero violentata. La vittima è stata trovata sotto choc, nella notte, dagli agenti di una volante nei pressi del convitto gestito dalle religiose, in via Nino Bixio. Insieme a lei c'era un'amica, a cui aveva chiesto aiuto al telefono. Gli agenti hanno trovato la ragazza barcollante e in lacrime e hanno chiamato un'ambulanza: al di là del comprensibile stato di choc, fortunatamente le condizioni di salute sono buone.

Turista violentata, fermati i responsabili

Subito dopo aver soccorso la ragazza, è scattata la caccia ai responsabili. Come scrivono Valeria Di Corrado e Alessia Marani per Il Messaggero, i poliziotti del commissariato Viminale li hanno trovati e fermati all'alba mentre, visibilmente alterati, stavano uscendo dall'ostello. Portati in commissariato, per la condalida dell'arresto, richiesta dal pm Delio Spagnuolo, si attendono le disposizioni dell'autorità giudiziaria. L'accusa è di violenza di gruppo, ma le indagini che dovranno ricostruire esattamente ciò che è accaduto sono appena iniziate.

Roma, le violenze sulle turiste in centro

Le insidie per le turiste a Roma riguardano anche gli stupri. A poca distanza dal luogo in cui è stata violentata la ventenne norvegese, nel 2017 una turista finlandese fu violentata da un cameriere bengalese in via Palestro. Nello stesso anno, una turista australiana fu agganciata da un romeno, con la scusa di indicarle la strada per tornare in hotel, e fu trascinata e violentata nella zona di Colle Oppio. Più recentemente, invece, una turista 30enne italiana fu salvata dai carabinieri da un tentativo di stupro nei pressi di via Marsala. E ancora, una giovane turista spagnola aveva salvato l'amica che viaggiava con lei e che era stata trascinata all'interno di una macchina da tre uomini a Testaccio.
Dal 2018 esiste un piano, stabilito in Prefettura dai vertici delle forze dell'ordine e dagli enti locali, che prevede l'installazione di più telecamere ad alta definizione in diverse zone di Roma. L'attuazione del piano, però, finora è andata parecchio a rilento e molte aree della Capitale restano scoperte. Non è un mistero neanche il contenuto dei vademecum che ambasciate e tour operator diffondono per i turisti, statunitensi e inglesi in primis: «Attenzione ai drink, non lasciate cibi e bevande incustoditi perché alcol e droghe rendono meno attenti e vigili e più facilmente aggredibili». Una raccomandazione indirizzata principalmente alle donne, ma non solo.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 16 Giugno 2022, 21:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA