Studentessa violentata a Roma, il ragazzo denunciato: «Non sono stato io, ma il mio gemello». Arrestato

Il racconto: «Mi ha tirata per i capelli perché non volevo fare quello che mi chiedeva lui e poi mi ha stuprata»

Studentessa violentata a Roma, il ragazzo denunciato: «Non sono stato io, ma il mio gemello». Arrestato

Un'altra studentessa della John Cabot è stata violentata a Roma. Dopo il caso delle due americane, la vittima stavolta è una ventenne nordafricana, anche lei iscritta all'università privata statunitense. Denunciato un cameriere, colpevole secondo la giovane di averla seguita a casa e averla stuprata. Lui si giustifica: «È stato il mio gemello». Ma una chat su WhatsApp lo inchioda.

Bambina di 10 anni imbavagliata con lo scotch e violentata da un istruttore di fitness: «Mi ha seguito in bagno» Il racconto choc

 

La denuncia

La denuncia risale allo scorso giugno. La ragazza si è rivolta alle forze dell'ordine per raccontare quello che le è successo. Dopo essere stata in un bar di Trastevere, ha invitato un cameriere che aveva conosciuto qualche giorno prima in casa sua a Monteverde. Ma dopo essersi negata, lui l'avrebbe violentata, riporta Repubblica. «Ero consenziente quel ragazzo mi piaceva», dice. Poi è passato alle maniere forti: «Lui continuava a picchiarmi perché lo avevo allontanato, era troppo violento».

«Mi ha tirata per i capelli perché non volevo fare quello che mi chiedeva lui e poi mi ha stuprata», ha raccontato ai carabinieri della compagnia di Trastevere. «Io piangevo, lui continuava. Io mi rifiutavo e lui mi picchiava», ha aggiunto. Interrogato dai carabinieri, il 22enne ha provato a dare la colpa al gemello. Una chat di WhatsApp mostrata dalla ragazza l'ha inchiodato ed è scattato l'arresto. Da qualche giorno è tornato a casa ed è ai domiciliari con braccialetto elettronico. Il 14 febbraio prossimo sarà giudicato con rito abbreviato.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Novembre 2022, 14:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA