Steward insultato all'Olimpico: spuntano le sue offese social contro la Lazio

Steward insultato all'Olimpico: spuntano le sue offese social contro la Lazio

Nessuna giustificazione ai cori dei tifosi laziali, serve solo un cambio di mentalità a tutti i livelli: solo così potremo andare allo stadio per divertirci

Con la vittoria dello scudetto del Milan e la fine del campionato di serie A, un vergognoso fatto di cronaca rischia di passare in secondo piano. Dalla curva dei tifosi della Lazio, allo stadio Olimpico, sono arrivati insulti razzisti allo steward durante partita con il Verona. Amin Jebali, ragazzo di 22 anni, è stato costretto a spostarsi durante il suo lavoro per la sua incolumità. Ma adesso spuntano offese social che lo stesso ragazzo ha riservato alla Lazio e ai suoi tifosi in passato.

 

Leggi anche > Steward di colore: insulti e cori razzisti durante Lazio-Verona. La società: «In prima fila per reprimere questi episodi»

 

 

Tutto ciò ovviamente non giustifica in nessun modo i cori che una parte dei tifosi ha rivolto nei suoi confronti. Ma Amin, in passato si esprimeva con toni deplorevoli nei confronti di quei tifosi che, purtroppo, contro la sua volontà, lo hanno messo al centro della cronaca. 

 

Alcuni commenti come «Uccidiamoli», per quanto possano essere scritti sui social, sono termini da stigmatizzare esattamente come fatto con i beceri cori subiti da Amin. Due cose separate, quindi, entrambe sbagliate.

 

 

È giusto sottolineare che Amin aveva 16 anni quando scriveva queste cose. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Maggio 2022, 01:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA