"Una Serata di Stelle per il Bambino Gesù", sul palco le star della musica per i 150 anni dell'ospedale pediatrico

Amadeus a condurre e numerosi artisti si ritroveranno il prossimo 20 novembre si ritroveranno a Roma per “Una Serata di Stelle Per Il Bambino Gesù”, il grande evento di beneficenza per festeggiare i 150 anni della struttura ospedaliera pediatrica.
 
Leggi anche > Charlene di Monaco, mistero della principessa: scomparsa dagli eventi pubblici



L’evento, in diretta su RAI UNO dall’Aula Paolo VI della Città del Vaticano, vede la partecipazione di artisti come Elodie, Fabio Rovazzi, J-Ax, Francesco Renga, Giovanni Allevi, Alessandra Amoroso, The Kolors, Irama, Giovanni Caccamo e il duo Benji & Fede.  Un appuntamento imperdibile che coinvolgerà anche tutta la comunità del polo ospedaliero e vedrà alternarsi sul palco suggestivi momenti musicali e storie vere, raccontate dalle star e dai protagonisti. Un viaggio emozionante e autentico nelle corsie della struttura sanitaria che accoglie ogni giorno racconti di battaglie coraggiose contro la malattia, ma anche di amore, speranza e determinazione.  Sarà la Serata Evento dell’Autunno Romano, alla quale sarà possibile partecipare dal vivo acquistando uno dei posti disponibili sui canali VIVATICKET con biglietti a partire da 60 euro.  I proventi saranno devoluti all’Istituto dei tumori e dei trapianti dell’Ospedale Bambino Gesù.




L'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è il primo ospedale pediatrico italiano istituito nel 1869 grazie alla famiglia Salviati che, nel 1924, lo ha donato a Papa Pio XI. Da quel momento tutti i Pontefici che si sono succeduti ne hanno promosso le attività a tutela della salute dei bambini e per tutti il Bambino Gesù è diventato "l'Ospedale del Papa".
L'Ospedale ha continuato la sua crescita progressiva fino a raggiungere i 607 posti letto di oggi e un livello di eccellenza nella qualità e nella complessità delle cure per il quale viene identificato come punto di riferimento a livello internazionale per la salute dei bambini e dei ragazzi.
Lunedì 4 Novembre 2019, 17:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA