Roma, «quando i rom trovano la persona sbagliata»: cosa è successo prima del video virale in metropolitana

  • 5 mila
    share
di Ilaria Del Prete
Metropolitana di Roma, in un video pubblicato su Facebook vanno in scena momenti di esasperazione non inediti a chi si sposta frequentemente con i mezzi pubblici. Una donna dice di essere stata aggredita da due ragazze di etnia rom. La donna in questione è Maria Assunta Devoti, che lo scorso luglio fu picchiata a sangue da un gruppo di borseggiatrici proprio in metropolitana, in corrispondenza della stazione Barberini.

Roma, paura sulla metro A, banda di rom donne picchia e rapina passeggero: la vittima le rincorre e le fa arrestare

Rom incinta a 13 anni, il leader della comunità approva: «Normale per la nostra cultura»

La signora, che sulla sua pagina Facebook ha spiegato di aver subito 14 aggressioni da parte sia di ragazze sia di uomini di etnia rom, inveisce contro le due ragazze e dice di aver subito l'ultima aggressione appena un mese fa. 
A Leggo a dichiarato: «Avevo appena assistito a un tentativo di furto sulla banchina opposta della metropolitana ai danni di un turista. Una rom aveva le mani nel suo zaino e ho provato a fermarla. Per tutta risposta lei mi ha coperto di insulti», ha spiegato la signora Devoti, aggiungendo di aver poi consegnato la ragazza a un rappresentante delle forze dell'ordine. «La rom però è riuscita a scappare e si è infilata nel treno che andava nella direzione opposta, ed è lì che è stato girato il video».

Nel video, girato da un altro passeggero, non si vedono le due ragazze compiere alcun furto, ma è stato comunque necessario l'intervento dei presenti per placare la situazione. Le due giovani rom sono state fatte scendere dalla metropolitana e sottoposte a controllo dalle forze dell'ordine. 
 


 
Domenica 10 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 25-06-2018 11:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-06-12 18:42:38
ci sono tutti i giorni sulla metro ...possono anche vestirsi bene ma....le facce che hanno le riconosci subito...
2018-06-12 09:30:11
Specifichiamo, prima di tutto, che non sono razzista e se ho odiato ed odio qualcuno non era/è certo per il colore della sua pelle o Paese di nascita... tranne gli zingari/ROM/o simili. Ho anch'io dei miei motivi personali (non gravi) più 'altri motivi storici' derivanti da quanto hanno fatto e rubato a suo tempo alla mia bisnonna materna 'in ringraziamento' per essere stata gentile (umanamente donna, madre, nonna) verso una loro bambina che, si presumeva, avesse molta e troppa fame. In ogni società, paese, etnia vi sono persone sia buone che cattive e, differendo quanto è giusto oppure sbagliato da vari aspetti, le cose possono essere viste 'diversamente da occhi diversi'... e loro hanno delle 'loro regole'... che non si abbinano a nessuna società neanche in quelle più antiche... salvo qualcuna 'deviata' su cui 'caliamo un velo pietoso' storico visto che anche le relative nazioni vogliono così. La reazione della signora, per quanto comprensibile anche per le angherie subite, è esagerata, ed avrebbe potuto allontanarsi da loro senza scenate. Darle torto invece è impossibile. Inoltre sono sempre incinta!!! Salvo che a volte non è vero... lo fanno apposta a mandarle in giro in quelle condizioni a rubare proprio perchè, per via delle condizioni fisiche, se arrestate non possono essere trattenute ed incarcerate. Il 'top' a riguardo di quest'ultima questione, a mio giudizio, è stato qualche anno fa nella città a cui abito vicino: segnalate più volte nella mattinata, finalmente con sforzi congiunti sia della Polizia e dei Carabinieri e malgrado si fossero separate, vengono arrestate nel primo pomeriggio 3 donne ed una ragazzina cariche di refurtiva da più negozi del centro. Essendo 2 donne visivamente quasi al termine della gravidanza le hanno dovute rilasciare quasi subito. La terza donna è stata rilasciata poco dopo in quanto è risultata altrettanto incinta salvo le evidenze ma visto che sosteneva di esserlo sono stati effettuati controlli. La ragazzina (non ancora 12 anni) andava assegnata ai servizi sociali e, inoltre, a differenza delle altre, non si era liberata del grosso della refurtiva... Niente... Incinta anche lei al secondo mese... Perlomeno in questo caso hanno arrestato suo cugino (26/27 anni) che l'aveva messa incinta... e credete che nessuno lo sapesse 'a casa loro'?
2018-06-11 15:31:44
Certo dover arrivare a paragonare Roma al Brasile, dove succede di tutto nelle strade, perchè la situazione è incontrollabile, è davvero triste...
2018-06-10 12:25:16
è inevitabile che si arriverà alla giustizia fai da te come fanno in Brasile e altri paesi... se non viene subito fatto qualcosa, perchè il troppo storpia in tutte le cose e la gente italiana sopporta l'indifferenza ormai da troppi anni.
DALLA HOME