Stupro di Capodanno a Roma, la preside del liceo Aristofane: «La figlia di De Mita offende il Tufello e neppure lo conosce»

Stupro di Capodanno a Roma, la preside del liceo Aristofane: «La figlia di De Mita offende il Tufello e neppure lo conosce»

"Da noi nascono i fiori". Così Raffaella Giustizieri (a sinistra nella foto sotto), preside del liceo Aristofane, del Tufello, in una lettera aperta difende il quartiere dalle frasi offensive della figlia dell'onorevole Ciriaco De Mita, riportate in un'intervista a "La Repubblica". Ecco il testo

 

 

“La dirigenza del liceo Aristofane manifesta una grande indignazione in merito a quanto riferito da Antonia De Mita, figlia dell'ex premier Ciriaco, a salvaguardia del nipote coinvolto nella faccenda dello stupro di Capodanno. Le parole utilizzate - mio nipote non è cresciuto al Tufello - sono classiste e offensive per tutti coloro che sono nati, abitano e vivono - come me - il Tufello, quartiere che ha tanto da raccontare: ha tratto dalle sue origini popolari la spinta per crescere e superarsi trasformandosi in laboratorio di innovazione sociale sempre in fermento. Degne di nota sono le attività messe in campo dalle Biblioteche di quartiere, dalla Parrocchia, dalle Associazioni e dai Centri sociali del territorio oltre che dal nostro Liceo che invito a visitare per la sua bellezza di luoghi e studenti. Il nostro Liceo, tra i migliori della città, è frequentato da ragazzi del quartiere (e non solo) e mentre la cronaca dimostra che dai diamanti non nasce niente, da noi con fierezza nascono i fior!"

Raffaella Giustizieri

Preside Liceo Aristofane


Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Gennaio 2022, 11:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA