Roma, esposti sul caos sepolture. Ama: «È procurato allarme». Ma le bare restano in parcheggio
di Lorena Loiacono

Roma, esposti di Lega e agenzie funebri sul caos sepolture. Replica Ama: Ama: «È procurato allarme». Ma le bare restano in parcheggio

Non c’è più rispetto, neanche dei morti. Sembra un vecchio modo di dire ma a Roma le salme restano nei depositi dei cimiteri, con picchi anche di 2mila bare accatastate. E la guerra ora si sposta in tribunale. Sono arrivati infatti un esposto della Efi, l’Associazione Eccellenza Funeraria Italiana, e uno della Lega firmato da Fabrizio Santori, Monica Picca e Valeria Campana. «Abbiamo moltissime segnalazioni da parte dei cittadini – spiega Santori – sui tempi di attesa per sepolture e cremazioni, ma anche sul degrado, la sporcizia e i continui furti che vanno avanti da anni all’interno dei cimiteri del Verano, Prima Porta, Laurentino e Ostia. Dobbiamo fare luce su una situazione molto dolorosa per i romani».

 

Contro gli esposti l’Ama replica: «Denunceremo per procurato allarme». Intanto però le famiglie in attesa di degna sepoltura per i loro cari sono migliaia, tra questi anche il deputato Pd Andrea Romano che ha denunciato la mancata sepoltura del figlio morto da oltre due mesi. E due settimane fa, in tutta Roma, sono apparsi 250 manifesti con le scuse di un figlio alla mamma morta a inizio di marzo e non ancora sepolta: «L’agenzia funebre - spiega Oberdan, che ha firmato i manifesti – mi ha avvisato che l’11 maggio verrà aperta la tomba di mio padre per accogliere mia madre e mia zia, che però deve essere ancora cremata da gennaio. Quindi siamo in alto mare». Cosa accade nei depositi? Alessandro Bosi, segretario della Federazione imprese onoranze funebri, ha denunciato a Radio Cusano Campus: «I feretri sono stipati come pacchi, uno sopra l’altro, addirittura in container o nei corridoi. E’ inaccettabile». Il tema arriverà in consiglio comunale il 5 maggio, ma i romani proprio non possono mettersi l’anima in pace.

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Aprile 2021, 08:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA