Rimprovera due uomini che gettano calcinacci in strada: loro lo picchiano e gli rompono il cellulare

Roma, rimprovera due uomini che gettano calcinacci in strada: loro lo picchiano e gli rompono il cellulare

Aveva rimproverato due uomini che stavano gettando dei calcinacci in strada. Loro, di tutta risposta, lo hanno picchiato e gli hanno rotto il cellulare. È accaduto due sere fa a Roma.

 

Leggi anche > Giorgio Pellegrini morto di Covid: il ragazzo del Prenestino che amava gli abbracci aveva perso la mamma 10 giorni fa

 

Erano le 21.30 di domenica sera quando, in via del Trullo, il cittadino romano aveva sorpreso due uomini che scaricavano calcinacci e materiali di risulti in strada. Dopo averli rimproverati e aver fotografato la loro auto, i due lo hanno aggredito con calci e pugni, strappandogli il cellulare di mano e gettandolo dalla macchina in fuga. L'uomo, un italiano residente in zona, è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del Pronto soccorso dell'ospedale San camillo di Roma e se la caverà in 5 giorni. Sull'episodio indagano i Carabinieri della Stazione di Roma Trullo.

 

 

«Voglio esprimere, a nome di Ama e a titolo personale, la massima solidarietà al cittadino romano che, due giorni fa, è stato vittima di una brutale aggressione fisica mentre stava fotografando e documentando con il proprio telefono uno scarico abusivo di rifiuti in via del Trullo. Nel ringraziare questa persona per l'esemplare senso civico dimostrato condanno fermamente un atto così vile e riprovevole augurandomi che al più presto i responsabili vengano individuati e assicurati alla giustizia. Gli sversamenti illegali di materiali di ogni sorta continuano purtroppo a rappresentare un quotidiano oltraggio al decoro dei nostri quartieri che, tra l'altro, impegna Ama in onerosi interventi di rimozione i cui costi ricadono inevitabilmente su tutta la collettività. Queste condotte incivili, in questo caso sfociate addirittura nella violenza, devono essere contrastate e per questo faccio ancora una volta appello alla collaborazione di tutti i romani». Lo dichiara in una nota l'Amministratore Unico dell'Ama, Stefano Zaghis.


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Settembre 2021, 22:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA