Roma, si rifiuta di vendere il libro della Meloni e viene minacciata: sotto protezione la libraia di Tor Bella Monaca

Roma, si rifiuta di vendere il libro della Meloni e viene minacciata: sotto protezione la libraia di Tor Bella Monaca

La libraia di Tor Bella Monaca, Alessandra Laterza,  ha ricevuto insulti e minacce dopo aver annunciato che non avrebbe venduto nel suo negozio il libro della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. La polizia avrebbe così deciso una misura di vigilanza circostanziata. 

 

«D'ufficio, da parte del prefetto, è stata predisposta una misura di vigilanza circostanziata perchè secondo le forze dell'ordine "è meglio prevenire che curare". Ringrazio tutte le persone impegnate in questa procedura, in modo particolare il dirigente della Digos di Roma, Giampiero Leonetti, che mi ha espresso parole di vicinanza e di solidarieta', sia come cittadino che come uomo delle istituzioni». 

 

 

 

Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook, Alessandra Laterza, la libraia di Tor Bella Monaca diventata famosa per essersi rifiutata di vendere il libro di Giorgia Meloni. Laterza, che nel frattempo si è candidata alle primarie del Pd per la carica di presidente del Municipio, spiega: «Non pensavo che esprimere le mie idee diventasse un problema. L'ho sperimentato a mie spese dal 9 maggio, giorno in cui ho manifestato sui social la mia contrarieta' a commercializzare il libro della leader di Fratelli d'Italia. Da quel momento ne sono successe di tutti i colori, quasi quanto quelli che rappresentano le battaglie delle associazioni Lgbt. Minacce, insulti, ogni tipo di ingiuria, a me e a chi ha provato a esprimere la mia stessa idea o semplicemente ha provato a difendermi. Tutto questo non è concepibile».


Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Giugno 2021, 17:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA