Presa una nuova 'Madame Furto': 34enne nomade dovrà scontare 19 anni per furti e borseggi

Roma, presa una nuova 'Madame Furto': 34enne nomade dovrà scontare 19 anni per furti e borseggi

Un nuovo caso di 'Madame Furto' a Roma è terminato con l'arresto di una 34enne nomade, di origini bosniache, da parte dei carabinieri. I militari della stazione di Tor de Cenci e della compagnia di Pomezia hanno infatti preso una donna che, dedita da oltre 20 anni a furti e borseggi, era sempre riuscita a scampare all'arresto facendosi trovare in stato di gravidanza.

Leggi anche > Zoomarine, assembramenti sugli spalti per guardare i delfini: «Senza mascherine e vicini». Il parco: «Misure rispettate»

La 34enne, che mirava soprattutto ai turisti che giungono a Roma e viaggiano sui mezzi di trasporto pubblico, era ricercata non solo per reati predatori, ma anche per diverse evasioni, avendo violato più volte le misure restrittive a cui era stata sottoposta.

In totale, la donna dovrà scontare 19 anni di carcere, effetto del cumulo della pena stabilita dalle varie condanne. Oltre all'evasione e all'irreperibilità, la nomade era riuscita a scampare alla detenzione in carcere grazie alle ricorrenti gravidanze: a 34 anni, la donna aveva già avuto otto figli ed era in attesa di un nono.
Il blitz dei carabinieri è avvenuto nel campo nomadi di Castel Romano, dove la 34enne si trovava stanziata, ora detenuta in carcere a Rebibbia.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Agosto 2020, 14:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA