Ponte inagibile, i disagi per il traffico dureranno mesi. Ecco i percorsi obbligati
di Lorena Loiacono

Ponte inagibile, i disagi per il traffico dureranno mesi. Ecco i percorsi obbligati

Quel doppio senso di marcia, con due corsie strette ma sempre trafficate, davano respiro alle zone Marconi e a Portuense con l’Ostiense, attraverso via del Porto Fluviale, servendo quindi un quadrante tra i più popolosi di Roma. 
Ma ora che il “ponte di ferro” è inagibile, per chi proviene dall’area di ponte Marconi non sarà più utile percorrere Lungotevere Gassman (che porta su Ponte di Ferro. Così tutti i veicoli si riverseranno su viale Marconi per raggiungere ponte Testaccio. Si rischia un grande impasse. 
Per raggiungere la via Ostiense con destinazione Centro oppure per percorrere Ponte Spizzichino e arrivare sulla via Cristoforo Colombo, bisognerà passare per Lungotevere San Paolo, che arriva sull’Ostiense all’altezza dell’Università di Roma Tre. Un punto cruciale per la viabilità: su piazzale dei Partigiani c’è la metro Piramide e il capolinea della Roma-Lido mentre, attraversando Ponte Spizzichino si va anche alla fermata della metro Garbatella.
Un’area quindi ad altissima densità anche per tutte le persone che lavorano nella zona e che, il 15 ottobre, torneranno in presenza negli uffici. Su via Ostiense infatti, vicino a Ponte Spizzichino, non c’è solo l’ateneo ma anche la sede degli uffici comunali e della polizia locale al civico 131 e davanti c’è anche la sede di Italgas: migliaia di impiegati che ogni giorno, alle 8:00-8:30, devono arrivare in ufficio. Oggi e domani molte scuole sono chiuse e la polizia locale dovrà capire come direzionare i flussi. Una corsa contro il tempo, perché mercoledì si torna in classe: e c’è l’incubo del “grande ingorgo”.

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 4 Ottobre 2021, 01:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA