Roma, il killer di "Diabolik" accusato di altri due omicidi su commissione

I nemici dei "signori della droga" eliminat in cambio di 100mila euro

Il killer di "Diabolik" accusato di altri due omicidi su commissione

di Emilio Orlando

Centomila euro per uccidere chiunque fermasse l’ascesa dei “signori della droga”. Una scia di tre omicidi, partita a gennaio 2019 nel cuore della Magliana, passata poi per il Tuscolano e culminata a settembre 2020 sul litorale romano. 


Il 52enne Raul Esteban Calderon (foto in alto), nato in Argentina ma trapiantato a Roma da più di un ventennio, potrebbe essere anche il killer che la mattina del 10 gennaio 2019 ha ucciso con un colpo di pistola alla testa Andrea Gioacchini (foto in basso), un pregiudicato di 34 anni per reati di stupefacenti e armi. L’uomo venne freddato da un sicario davanti all’asilo dove aveva accompagnato i figli, in via Castiglion Fibocchi alla Magliana. 


Gli inquirenti e gli investigatori della Direzione distrettuale antimafia stanno ricostruendo i rapporti che il presunto omicida di Fabrizio Piscitelli, detto “Diabolik”, aveva con esponenti della banda della Magliana. Qualche ora dopo la feroce esecuzione di Gioacchini, la polizia fermò per un controllo Augusto Giuseppucci, fratello di Franco (il Libanese), uno dei leader storici della “Bandaccia”, assassinato nel 1980 in piazza San Cosimato a Trastevere. 

Dalle informazioni raccolte, sarebbe emerso che Raul Esteban Calderon venne arrestato nei primi anni Duemila, proprio con Augusto Giuseppucci, dopo che i due avevano commesso una rapina. Questo elemento si aggiunge ad altri particolari emersi durante le indagini per le tre esecuzioni e due tentati omicidi, avvenuti in via di Boccea e in un bar del Tuscolano, dove vennero gambizzati due pregiudicati. 
Un filo conduttore unico legherebbe quindi questi delitti: le vittime avevano tutte provato tutte a scalare la vetta e diventare i monopolisti del narcotraffico all’ingrosso della cocaina e dell’hashish, provando ad estromettere i boss storici che riforniscono le piazze storiche dello spaccio della Capitale come Tor Bella Monaca, San Basilio, Primavalle, il Tuscolano e i Castelli Romani.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Dicembre 2021, 08:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA