Roma, alla Galleria Arte Contesa la nuova mostra di Italo Fiorillo

Roma, alla Galleria Arte Contesa la nuova mostra di Italo Fiorillo

Alla Galleria Area Contesa Arte di via Margutta 90 a Roma, l’inaugurazione della Mostra personale di Italo Fiorillo
L’artista, primo firmatario del "Manifesto dei Pittori Evoluzionisti Romani”, torna sulla scena artistica con la sua mostra di pittura e grafica che verrà inaugurata il 30 novembre. La Mostra sarà esposta nelle sale “Picasso” e “Modigliani” dal 30 novembre al 6 dicembre.

Ecco il disegno astratto più antico del mondo: «Risale a 73mila anni fa». Lo ha scoperto un italiano

“Fiorillo cerca di penetrare tutto il segreto incantesimo dell’Uomo, dipingendo cerca la parte più nobile di ogni cosa: ‘lo spirito’”. Così il critico d’Arte Carlo Gerard ha scritto dell’artista Italo Fiorillo che, dopo un lungo periodo di assenza, ritorna sulla scena artistica. Il 30 novembre inaugurerà, infatti, la sua Mostra Personale di Pittura e Grafica in esposizione antologica, presso la Galleria Area Contesa Arte, in Via Margutta 90. Fiorillo rende una ampia panoramica delle sue opere partendo dai primi lavori realizzati, forte dell'essere stato il redattore e primo firmatario del noto "Manifesto dei Pittori Evoluzionisti Romani". Al brindisi inaugurale, previsto per le ore 18.00, interverranno alcuni critici d'arte che terranno una breve relazione sulla produzione dell'Artista alla quale seguirà, da parte dello stesso, un breve commento.

Il cielo d’inverno sopra Milano si colora di giallo e turchese. La mostra di Rocco Manzi all'asta per Lilt

Italo Fiorillo è nato a Napoli, esattamente al Vomero in Via Luigia San Felice. Acquisisce la maturità classica presso il prestigioso “Istituto Bianchi”, in Napoli. Giovanissimo si laurea presso l’Università Federico II in Giurisprudenza e successivamente in Scienze Politiche. Diviene Avvocato e acquisisce molti consensi e condivisioni massimate sia in dottrina sia in sede giurisprudenziale, con studio in primis in Napoli e successivamente a tutt’oggi in Roma. Dal 1972 corona un suo giovanile hobby entrando sul “mercato d’arte” con composizioni grafiche, pittoriche e scultoree. Negli anni 1972, 1973, 1974 viene inserito nei Dizionari d’Arte Moderna tra cui il catalogo Nazionale “Bolaffi d’Arte Moderna" ed anche nell’edizione specializzata d’Arte Moderna “Comanducci”, ed ancora nel Dizionario Biografico dei Meridionali nel quadro dell’opera “Storia di Napoli” pubblicata sotto l’alto patrocinio del Presidente della Repubblica. Negli anni tra il 1974 ed il 1980 il “Bullettin official des cotations d’art”, per il Mercato Internazionale dell’Arte, pubblica le sue quotazioni per l’Italia, la Francia, la Svizzera ed il Belgio, e viene anche nominato Accademico in varie Accademie d’arte moderna e ampiamente recensito su quotidiani e riviste specializzate. Ha acquisito premi e riconoscimenti internazionali e nazionali, ed ha esposto in mostre personali e collettive in Italia ed all’Estero, in primis più volte su Roma. Risulta anche essere il primo firmatario ed estensore del “Manifesto dei Pittori Evoluzionisti Romani” da lui introdotto in una memorabile conferenza stampa tenuta nella sede della rivista “L’incontro delle Genti” a cui aderirono tra i molti pittori romani: Crisostomo, Antinori, Mazzoni, Alunni, Aloise, Gasbarri, Ekkard, Barbieri, Faccioli, Zito G., Melis, De Cupis, Palmieri. Molte sue opere sono presso gallerie e collezioni private. Oggi, dopo un periodo di ridotta produzione, resasi difficoltosa per impegni professionali di avvocato, ritorna con la presente Personale nelle sale d’Arte della più prestigiosa strada dei Pittori Romani, anche se trascura, per esigenze di spazio, la principale produzione degli ultimi cinque sei anni che è stata finalizzata a teli di dimensioni quasi intrasportabili di cui si rende solo qualche saggio in stampa d’autore.
 
Lunedì 12 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 13:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME