Roma, morto primario del San Camillo: aveva appena salvato un paziente, curò anche Manuel Bortuzzo
di Emilio Orlando

Roma, il primario di Neurochirurgia del San Camillo morto in un incidente sul Raccordo: aveva appena salvato un paziente. Curò anche Manuel Bortuzzo

Ancora sangue sulle strade della Capitale. È morto sul Grande Raccordo Anulare,  Agazio Menniti, primario del reparto di Neurochirurgia dell’ospedale San Camillo. Il medico  aveva 46 anni ed era originario di Guardavalle in provincia di Catanzaro.

 

Roma, Elena Baruti morta a 18 anni investita sulla Nomentana. Inutile la raccolta di sangue dei compagni di classe

 

Lo scorso giovedì Menniti era a bordo del suo scooter ed aveva terminato da poco il turno al San Camillo, dove aveva salvato la vita a un paziente effettuando un delicato intervento per arginare una emorragia cerebrale.  Il primario stava rincasando in direzione Giustiniana, dove lo attendevano la moglie e i figli, quando un’auto lo ha travolto. Sbalzato, è stato investito da una seconda vettura che sopraggiungeva. Il medico operò Manuel Bortuzzo, il nuotatore ferito a colpi di pistola alla schiena all’Infernetto.

 

Secondo i primi rilievi della polizia stradale il neurochirurgo dopo che aveva effettuato una delicata operazione ad un paziente stava guidando in moto quando è stato speronato. Proprio mentre tentava di rialzarsi dopo l’impatto, un’altra auto lo ha travolto. I due automobilisti sono ora indagati per omicidio colposo.


Ultimo aggiornamento: Martedì 4 Maggio 2021, 15:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA