Roma sprofonda, la mappa con i quartieri ad alto rischio voragini: ecco dove il pericolo è maggiore

Da uno studio Ispra, in collaborazione con Cnr-Igag, arriva la carta della suscettibilità alla formazione di voragini a Roma del 2022

Roma sprofonda, la mappa con i quartieri ad alto rischio voragini: ecco dove il pericolo è maggiore

Le buche a Roma sono una piaga per la Capitale e i suoi cittadini. E probabilmente è la voragine che nel 2021 inghiottì due macchina a Tor Pignattara ad essere quella che negli ultimi anni ha destato più impressione. Ma nonostante le apparenze, non è quella la zona più colpita di Roma.

Leggi anche > Gualtieri, la sfida per Roma: «Strade asfaltate entro due anni, organizzeremo Expo 2030»

La mappa delle voragini

Mentre il sindaco Roberto Gualtieri, lancia la sfida per la sua città, promettendo di asfaltare tutte le buche e le voragini di Roma, c'è chi ha fatto una mappa dettagliata di quali siano i quartieri della Capitale più tormentati. Ispra, infatti, in collaborazione con Cnr-Igag (Istituto di Geologia Ambientale e Geoingegneria) ha pubblicato la Carta di suscettibilità ai sinkholes: le voragini in superficie. Una carta di Roma aggiornata al 2022. Si tratta di uno studio volto ad individuare le aree della città maggiormente suscettibili al cedimento del suolo e alla conseguente formazione di voragini. I crolli del manto stradale infatti preoccupano istituzioni e cittadini in quanto possono potenzialmente costituire un pericolo per la viabilità, per i pedoni ma anche per la stabilità degli edifici. 

I quartieri più a rischio

La carta della suscettibilità ai sinkholes antropogenici del 2022, limitandoci a voler fare una riflessione sul territorio compreso all'interno del Grande Raccordo Anulare, evidenzia un aumento rispetto alle rilevazioni degli anni precedenti della pericolosità nel quadrante sud-occidentale. Una suscettibilità molto alta è rilevata appunto nella zona sud-ovest e sud, che risulta quella maggiormente interessata, ricadente nei Municipi XI e VIII.

Anche il centro storico è caratterizzato da suscettibilità alla formazioni di voragini, seppur con diversi livelli di gravità. È contrassegnato da una zona a suscettibilità molto alta, seppur circoscritta e, tutt'intorno a macchia d'olio a suscettibilità alta e media. L'area occidentale centro-nord, invece, è quella che desta minor preoccupazione, con suscettibilità bassa o molto bassa.

«Una carta dei municipi»

«Presto faremo uscire anche una carta con il dettaglio, per municipio, delle voragini che sono state registrate - ha annunciato l’Ispra - possiamo comunque già notare come la zona sud, che include quella dei Colli Portuensi e del Trullo, dove sono stati scoperti nuovi ipogei, sia quella più esposta al fenomeno degli sprofondamenti». Un dato che emerge anche dal confronto con la precedente carta, datata 2017. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Agosto 2022, 13:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA