Clima, attivisti ambientalisti di Extinction Rebellion s'incatenano sotto la sede dell'Eni a Roma

Clima, attivisti ambientalisti di Extinction Rebellion s'incatenano sotto la sede dell'Eni a Roma

Una manifestazione pacifica contro la crisi climatica. Il gruppo di attivisti di Extinction Rebellion Italia, dopo la manifestazione di ieri mattina sotto la sede del quotidiano La Repubblica ha oggi manifestato sotto quella dell'Eni a Roma. Si tratta di una manifestazione pacifica il cui scopo è tenere alta l'attenzione sulla crisi climatica e le disastrose conseguenze che può avere sul pianeta.

 

Leggi anche > Roma choc, crolla ponte ciclo-pedonale sulla Laurentina: era stato urtato da un camion in manovra

 

 

Gli attivisti hanno mostrato cosa è accaduto durante la manifestazione sulla loro pagina Facebook, in cui sono presenti diversi video. I partecipanti hanno scritto una lettera al Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli in cui hanno scritto: «Ci siamo incatenati e incatenate ai cancelli di Eni. La nostra modalità di azione è sempre radicalmente nonviolenta, anche nella comunicazione, ma non possiamo tacere di fronte all'inazione politica nei confronti della “svolta green” di Eni. I nostri interlocutori non sono le aziende, che perseguono inevitabilmente un interesse privato a breve termine, ma coloro che si propongono di guidare la nostra società verso decisioni lungimiranti atte a garantire il benessere della cittadinanza. Negli ultimi anni gli appelli degli scienziati incaricati di studiare la crisi ecologica e climatica dagli stessi governi sono sempre più drammatici, [...] Anche chi, come noi, non si era mai trovato a mettere in atto proteste così decise si sta rendendo conto della gravita dell’emergenza incipiente e della decennale inazione dei Governi di tutto il mondo, non ultimo quello italiano. Per questo motivo abbiamo fatto una scelta fuori dall'ordinario, dalle nostre vite di tutti i giorni, resistendo all'istinto di autotutela che tutti e tutte noi ovviamente sentiamo. [...] Le chiediamo di venire da noi a parlare di Eni e delle scelte che deve compiere questo Governo per proteggere coloro che ha scelto di rappresentare, così potremo scioglierci da queste catene. Vorremmo confrontarci con Lei su come impedire che prosegui questo Business As Usual, che sembra ormai una danza cieca sull'orlo di un precipizio. Vi aspetteremo qui Con Amore e Rabbia».

 

Incatenati sotto la sede dell'Eni hanno i manifestanti hanno ricevuto un ordine di allontanamento, ma la loro intenzione è quella di non abbandonare la posizione e avere delle risposte. 

 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Ottobre 2020, 14:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA