Roma Lido: crolla la linea aerea e la circolazione va in tilt. Navette prese d'assalto

La tratta di nuovo paralizzata per un guasto alla stazione di Acilia. Bus sostitutivi stracolmi

Video

Caos sulla Roma Lido. Mattinata da incubo per i pendolari della Roma Lido. Alle 6,30 il crollo della linea aerea alla stazione di Acilia ha mandato in tilt la circolazione e costretto Atac a chiudere l'intera tratta fino a Magliana in entrambe le direzioni.

 

Leggi anche > Roma, esibizionisti nudi nella fontana o picchiatori in strada armati di cinghia: boom di stranieri "sopra le righe"

 

 

Così come il 3 dicembre scorso, data dell'ultimo guasto, la tratta è di nuovo paralizzata. Migliaia di pendolari sono stati costretti ad affidarsi alla speranza di trovare qualche autobus sostitutivo che - ingolfando la via Ostiense - è stato attivato da Atac prolungando di fatto il percorso dei bus della linea RL4, ossia i bus che già coprono la tratta tra Colombo e Lido Centro.

 

Cartelli scritti a mano sono stati appesi sui cancelli delle stazioni per avvertire i pendolari che inevitabilmente hanno preso d'assalto le navette. Bus sostitutivi stracolmi di viaggiatori, alcuni anche senza mascherina, e controlli dei green pass saltati. Un viaggio infernale quello sui pullman che hanno impiegato oltre due ore per raggiungere Magliana dalla via Ostiense, già di per sé ingolfata di traffico.

 

Atac si è limitata a annunciare un semplice guasto tecnico senza entrare nello specifico e senza fornire indicazioni sulla ripresa del servizio. Sono stati i pendolari in realtà a raccontare cosa era successo. «È caduta la linea aerea ad Acilia, il macchinista ha frenato all'improvviso per evitare l'impatto. Ma la brusca frenata ha anche provocato un principio d'incendio. Si è sentito distintamente un forte odore di bruciato e appena aperte le porte siamo corsi fuori. Le prime navette si sono viste solo dopo le 7. Fino a quel momento abbiamo cercato invano informazioni».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 9 Dicembre 2021, 12:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA