Roma, la baby gang rapinava adolescenti e razziava il negozio di uno straniero: fermati due minori e un 19enne

Baby gang rapinava adolescenti e razziava il negozio di uno straniero: fermati due minori e un 19enne

Rapinavano adolescenti ma il clima di terrore non risparmiava neanche un esercente straniero, che veniva vessato, minacciato e costretto ad assistere impotente a vere e proprie razzie all'interno del suo negozio. La Polizia di Stato, però, ha fermato a Roma tre ragazzi, membri di una baby-gang: si tratta di due minorenni e di un 19enne.

Leggi anche > Luca Sacchi, tutti i dubbi di papà Alfonso: «Anastasiya, bugie e telefonate notturne. Troppe cose non tornano»

Il più grande del gruppo, residente nella zona della Balduina, è considerato il 'capo' della baby-gang. Nel quartiere il 19enne si faceva chiamare il «nero della Balduina» e dovrà rispondere anche di discriminazione razziale per aver vessato e insultato per mesi un commerciante straniero del territorio. L'indagine condotta dalla Polizia è partita dalla ricostruzione del modus operandi della baby gang che era sempre lo stesso: i tre puntavano vittime giovanissime e le accerchiavano il luoghi isolati costringendole a consegnare soldi e altri oggetti di valore.

In diversi casi i tre avevano minacciato ritorsioni qualora i derubati se avessero raccontato i fatti. Nonostante ciò, però, diversi adolescenti si sono confidati con i genitori che hanno fatto denuncia al commissariato di zona. Le denunce hanno permesso di avviare un'inchiesta che ha fatto scoprire agli investigatori anche le vessazioni subite da un negoziante straniero. I tre ragazzi, infatti, lo avevano preso di mira da mesi e abitualmente prendevano merce dal suo negozio senza pagare. Lo straniero per mesi è stato regolarmente aggredito e insultato con epiteti razzisti. I tre per intimorirlo raccontavano anche di essere collegati a pericolose bande criminali e minacciavano ritorsioni. Adesso il 19enne è sottoposto ai domiciliari e dovrà rispondere di rapina e violazione della legge sulla discriminazione razziale
.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Dicembre 2019, 12:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA