Roma, Simone Piromalli come Domitilla Gianni: quelle strane morti in incidenti stradali di chi voleva uscire dal giro della droga
di Emilio Orlando

Roma, Simone Piromalli come Domitilla Gianni: quelle strane morti in incidenti stradali di chi voleva uscire dal giro della droga

Un sospetto che mette i brividi. Chi decide di collaborare con la giustizia oppure vuole uscire dal giro, potrebbe finire vittima di incidenti stradali dalla strana dinamica? Non più sparatorie e gambizzazioni ma inseguimenti in auto capaci di provocare la perdita di controllo da parte dei guidatori?
Inquietanti, ma sono gli interrogativi degli investigatori che provano a far luce sullo “strano” scontro in cui ha perso la vita Simone Piromalli (foto) con la fidanzata Giorgia Albano.

L’incidente in cui è morto il supertestimone dell’omicidio di Luca Sacchi, avvenuto alla Caffarella la notte tra il 23 ed il 24 ottobre del 2019, ha riportato alla mente un altro misterioso schianto (avvenuto sempre sul GRA) in cui rimase coinvolta la 25enne Domitilla Gianni (foto) il 18 agosto del 2018. Il cuore della giovane madre di un bimbo piccolo ha cessato di battere solo a febbraio dello scorso anno, dopo 780 giorni di stato neurovegetativo durante i quali partì anche una sottoscrizione per pagare le cure mediche alla ragazza, ricoverata in una clinica specializzata in Austria. Bionda, sempre sorridente, di famiglia perbene con una fedina penale immacolata: ma Domitilla Gianni, come Piromalli, aveva amicizie poco raccomandabili con appartenenti alla malavita del fortino dello spaccio di San Basilio, dove era stata fidanzata prima con uno spacciatore e poi con un altro personaggio legato al narcotraffico. Prima del misterioso incidente era stata vittima di alcune intimidazioni (come l’incendio della sua automobile ed uno speronamento in piazza Urbania, al centro del quadrilatero dello spaccio).
Anche Simone Piromalli voleva uscire dal giro di cattive compagnie. Incensurato ma con contatti con esponenti pericolosi della malavita di San Basilio, Piromalli fino a qualche anno fa era un ragazzo tutto casa e scuola. Purtroppo è stato attratto dal fascino “perverso” della vita dei malavitosi, dalla quale però voleva fuggire. Per capirlo basta consultare con attenzione il suo profilo Facebook. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 11 Maggio 2021, 08:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA