Roma, in fiamme la libreria antifascista «La Pecora Elettrica»: già distrutta il 25 aprile, avrebbe dovuto riaprire domani

Nuovo rogo nella notte nella caffetteria/libreria «La Pecora Elettrica» a Roma, luogo dichiaratamente antifascista. Il locale, già distrutto dalle fiamme da un incendio la notte del 25 aprile, avrebbe dovuto riaprire domani. Sul posto carabinieri della compagnia Casilina e vigili del fuoco. Da chiarire le cause dell'incendio. Non si esclude la pista dolosa. Il titolare: «L'incendio di stanotte l'ha distrutta di nuovo. Sono entrati e hanno dato fuoco a tutto».  

Leggi anche > Il rogo del 25 aprile: ​Giallo a Centocelle, in fiamme la caffetteria antifascista "La pecora elettrica"  

«Inquietante l'ennesimo rogo alla libreria la Pecora Elettrica a Roma. Se fosse confermato l'atto doloso sarebbe estremamente grave. Vicina ai proprietari, si faccia subito chiarezza!». Lo scrive su twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi. 
 
 


«La Pecora Elettrica è un luogo di cultura e di aggregazione. Stanotte è stato dato alle fiamme dopo l'incendio dell'aprile scorso. Ai proprietari dico di tener duro e lottare per restituire a Roma la bellezza e la passione del loro impegno sociale». Così il segretario Pd e governatore del Lazio Nicola Zingaretti su twitter.
Mercoledì 6 Novembre 2019, 09:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA