Un gatto morto lasciato in strada: rimpallo tra Ama e vigili urbani
di Mario Monte

Un gatto morto lasciato in strada: rimpallo tra Ama e vigili urbani

«Non è di nostra competenza». È la risposta che si è sentito più volte ripetere ieri pomeriggio dai vigili, il signor B. Finocchiaro, residente in Via Rodolfo Lanciani 30, in zona Nomentanta. Il motivo? La richiesta di far portare via un gatto morto vicino al marciapiede della strada. «Ho visto il povero gatto morto sulla strada ieri pomeriggio, ed ho prontamente chiamato la Polizia Municipale, la quale mi ha dato un presunto numero, rivelatosi poi inesistente, dell'Ama.Ho provato così a chiamare il pronto soccorso animale - prosegue il signor Finocchiaro - chiedendomi di rivolgermi ancora poi al gattile della Muratella», ma la risposta che il signor Finocchiaro riceveva, era sempre la stessa: «Non è di nostra competenza».

Roma, gatto morto a Via Lanciani coperto dopo la denuncia di Leggo. Ama: «Passeremo a rimuoverlo»

Passate due ore, il residente. Dopo aver constatato che ancora nessuno aveva portato via la salma del povero animale, ha riprovato a chiamare la Polizia Municipale, la quale ha riconosciuto di aver ricevuto decine e decine di segnalazioni da altre persone, e ricordando al cittadino che a provvedere a questo tipo di attività, dovrebbe essere Ama.

«Trovo sia ingiusto ed incivile, disinteressarsi e lavarsi le mani di fronte ad un problema del genere. L'animale, che tra l'altro sembra essere domestico viste le sue condizioni, potrebbe benissimo appartenere a qualcuno che vive nel quartiere - conclude il residente - e non è tollerabile che nessun ente o autorità si occupi di poter portare via un povero animale morto e dargli una degna fine come dovrebbe essere per qualsiasi altro animale».
Venerdì 14 Giugno 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA