Roma, gaffe all'inaugurazione di Largo Ciampi: sulla targa «Carlo Azelio» e non «Azeglio»

Video

Incredibile gaffe alla cerimonia per l'inaugurazione a Roma, sul lungotevere Aventino, di «Largo Carlo Azeglio Ciampi», intitolato da oggi all'ex presidente della Repubblica. Il nome sulla targa era infatti sbagliato: non c'era scritto Carlo Azeglio ma Carlo Azelio, senza la g. Inizialmente si pensava che durante le fasi di montaggio la targa si fosse scheggiata e che quindi fosse dovuto a quello il ritardo con cui stava iniziando la cerimonia.

 

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e quelli di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Casellati, hanno lasciato la cerimonia e la targa è rimasta coperta da un drappo. «Sono stata avvisata questa mattina, ho dato subito l'ordine di procedere ad una nuova targa che infatti già adesso è collocata al suo posto», ha poi precisato la sindaca Virginia Raggi, a margine di una conferenza stampa in Campidoglio.

 

Polemiche social. Calenda: «Basta»

 

L'episodio ha ovviamente scatenato le polemiche social, con Carlo Calenda che su Twitter ha espresso la sua indignazione: «Inaugurazione della piazza intitolata al Presidente emerito Ciampi. Presenti i Presidenti di Repubblica, Senato e Camera, ospiti della Sindaca Raggi. Non si scopre la targa perché sarebbe 'scheggiata'. Bugia, in realtà è stato scritto male il nome di #Ciampi. Anche basta». 

 

 

«Oltre a a confondere l'arena di Nimes con il Colosseo, la Raggi non conosce neanche i nomi del Presidente Ciampi. Una figuraccia storica, l'ultima di una lunghissima serie che fortunatamente finirà presto. Roma merita di più», rincara la dose Andrea Casu, segretario del Pd Roma. «Non ce la possono fare... A Livorno Nogarin si era rifiutato di riconoscere a Ciampi una piazza della sua città (abbiamo dovuto rimediare noi...). A Roma Virginia Raggi sbaglia il nome del grande italiano ed europeo che fu Carlo Azeglio Ciampi (Gualtieri fai presto...)»., scrive invece Andrea Romano del Pd.

 

 

 

Raggi: Ciampi livornese ma con Roma nel cuore

 

«Ritengo che la toponomastica sia la carta d'identità di una città. Oggi ricordiamo Carlo Azeglio Ciampi, livornese ma con Roma nel cuore». Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi inaugurando largo Carlo Azeglio Ciampi, sul lungotevere Aventino a Roma. «Per lui Roma è stata la città delle istituzioni e la vita della famiglia. Amava definirsi cittadino europeo nato in terra di Italia e Roma ha nel suo dna queste sue identità. Ciampi divenne nel 2005 cittadino onorario dell'urbe. Voglio rivolgere un saluto affettuoso alla signora Franca, durante il settennato ha condiviso ogni scelta del marito. Roma non dimenticherà la vita e l'opera di Carlo Azeglio Ciampi».

 

Il figlio Claudio Ciampi ha voluto ringraziare Mattarella «per l'onore che ci fa nel presenziare a questa cerimonia. Non potrò dimenticare quando andò a trovare mio padre nel ferragosto del 2016. Mia madre che ci segue da casa ne andrà fiera per il resto dei suoi giorni». Tra le personalità presenti alla cerimonia i presidenti di Camera e Senato Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati, il ministro dell'Economia Daniele Franco, il vicepresidente della corte costituzionale Giuliano Amato, il capo della polizia Lamberto Giannini, il nuovo questore di Roma Mario Della Cioppa e il prefetto di Roma Matteo Piantedosi.

 

Presente anche il comandante generale dell'arma dei Carabinieri Teo Luzi. Il presidente Carlo Azeglio Ciampi era molto legato all'Arma dei Carabinieri, ricordano dall'Arma. Nel suo testamento volle ed indicò espressamente che le insegne di «Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana», si tratta della più alta onorificenza concessa dalla Repubblica che fu conferita a Ciampi all'atto della sua investitura a Capo dello Stato, fossero donate all'Arma dei Carabinieri, per il profondo affetto e la riconoscenza che nutriva verso l'Istituzione. Il 1 dicembre del 2016 nella sala di rappresentanza del Comando Generale dell'Arma si tenne la simbolica consegna del Collare da parte di Claudio Ciampi, figlio del capo dello Stato.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 2 Giugno 2021, 09:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA