Caos anagrafe, Bordoni: «Centinaia di persone in fila per ore. Una vera bolgia»

Roma, caos anagrafe. Bordoni: «Centinaia di persone in fila per ore. Una vera bolgia»

«La Casa comunale al rientro delle vacanze diventa una vera bolgia; oggi, in via Petroselli si sono accalcate centinaia di persone in fila anche solo per ritirare un atto: ed è una vergogna». Lo dichiara in una nota il consigliere capitolino Davide Bordoni.

Leggi anche > Roma, caos anagrafe: «Quattro file per una multa. Coda lunga cento metri fin dal mattino»

«L'utenza degli uffici anagrafici vive continui disagi nel primo Municipio dove file di ore e proteste per ritirare i documenti sono sempre piu' frequenti - aggiunge Bordoni -. Gli uffici, a fronte di tutti i potenziamenti che sono stati fatti, non possono dichiararsi sempre sotto organico e sotto pressione. I cittadini a Petroselli lamentano una sola coda per ritirare il numero di accesso ai servizi. I cinque stelle nonostante tutte le nuove assunzioni evidentemente hanno problematiche organizzative che non riescono a superare, gli uffici non vanno solo potenziati ma anche organizzati in modo piu' funzionale per i cittadini. Inutile andare avanti a slogan e fare conferenze stampa per aver istituto il servizio di ritiro dei certificati anagrafici nelle edicole Capitoline. Ci risulta abbastanza palese che le adesioni siano state davvero poche e i cittadini poco informati su dove andare; il tutto - conclude Bordoni - per un carico di lavoro ridotto dello zero virgola agli impiegati dell'anagrafica».
Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Gennaio 2020, 12:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA