Roma, prima la violenta e poi si scatta un selfie: orrore in pieno giorno a piazza Vittorio, arrestato 28enne tunisino

La scena è stata vista da una signora che era a passeggio col cane e ha subito cercato soccorso

Roma, prima la violenta e poi si scatta un selfie: orrore in pieno giorno a piazza Vittorio, arrestato 28enne tunisino

Violenta una ragazza in pieno giorno, poi prende il telefono e si scatta alcune fotografie. È successo a Roma lo scorso luglio. Protagonisti un 28enne tunisino senza fissa dimora e una ragazza che, quel giorno, aveva esagerato con l’alcol e stava camminando per strada in uno stato di semi-coscienza.

Violenza all'Esquilino, cosa è successo

La ragazza stava vagando ubriaca intorno alle 9 di mattina a piazza Vittorio, all'Esquilino, quando il 28enne tunisino (che la conosceva) l'ha aggredita. La scena è stata vista da una signora che in quel momento era a spasso con il cane. La donna, dopo aver visto la giovane sdraiata sul prato inerme, è corsa dalle forze dell'ordine e ha allertato li agenti della polizia municipale del Gruppo Trevi, che si sono immediatamenti mobilitati, si legge su Repubblica.

Una volta arrivati, il tunisino e la ragazza erano ancora sdraiati a terra e il 28enne si stava scattando delle foto che riprendevano la violenza sessuale. La scena è diventata una prova da esibire al processo. Il presunto aggressore è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 4 Novembre 2022, 12:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA