Giornata di follia a Roma, + 35% di fermati: code da 300 metri al supermercato, runner scatenati e code di auto
di Sofia Unica

Roma, giornata di follia nella Capitale: code da trecento metri al supermercato, runner scatenati e code di auto

File di centinaia di metri davanti ai supermercati, runner scatenati dal centro alla periferia e code di macchine ai posti di blocco. È la fotografia, scattata ieri mattina dopo l'analisi dei dati relativa all'incremento dei fermati. Trentacinque per cento in più rispetto ai giorni scorsi.
Complice la primavera ormai esplosa, la sanzione penale trasformata in una multa, il trend di morti e contagiati in calo e il bisogno di uscire hanno spinto i romani a trasgredire l'ordinanza del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, #iorestoacasa, per arginare i contagi del coronavirus che limita gli spostamenti se non per necessità comprovate.
Qualche esempio? Trecento metri di fila con centododici persone in attesa con buste e carrelli, si sono registrati ieri mattina nel supermercato Pewex di Grotta Perfetta (il martedì la catena Gros offre agli anziani uno sconto extra del 10% sulla spesa).
Polizia, carabinieri, guardia di finanza e la polizia municipale hanno incrementato i controlli su tutte le arterie stradali elevando centinaia di contravvenzioni ai trasgressori che hanno il decreto. Autostrade, strade, parchi pubblici ed esercizi commerciali sono stati controllati dalle sezioni di polizia amministrativa per verificare il rispetto degli obblighi di chiusura. Gli uomini del comandante Antonio Di Maggio hanno controllato solo nel fine settimana trentamila veicoli che aggiunti ai numeri dall'inizio dell'emergenza li fanno lievitare a più di trecento trentamila. Solo lunedì la task force della municipale ha svolto 15 mila controlli, con 8 illeciti contestati, per inosservanza delle disposizioni che limitano gli spostamenti: oltre 6,000 le verifiche che hanno riguardato i veicoli in circolazione e più di 1600 quelle relative alle attività commerciali. Oltre 4,500 le persone controllate, tra cui pedoni.
Rimangono sorvegliati speciali, come sottolineato nell'ordinanza della sindaca Virginia Raggi (che ieri è tonata a tuonare per i troppi cittadini i giro) i parchi e le ville comunali dove i vigli continuano a mantenere alta la guardia. Sempre nell'ottica della salvaguardia della salute pubblica, i carabinieri della compagnia di Trastevere il Nas, hanno denunciato il titolare di un supermercato di via di Torrevecchia per frode nell'esercizio del commercio per vendita di mascherine fuorilegge.

riproduzione riservata ®
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Aprile 2020, 11:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA