Choc ai Colli Albani: giovane violentato da due "amici" dopo aver preso la "droga dello stupro"
di Emilio Orlando

Roma, choc ai Colli Albani: giovane violentato da due "amici" dopo aver preso la "droga dello stupro"

Come nell’omicidio di Luca Varani nel 2016, avevano drogato e stordito con la “droga dello stupro” un loro conoscente per violentarlo e seviziarlo. Non solo. Dopo la violenza lo hanno abbandonato sanguinante in strada, ai Colli Albani. 
Uno dei violentatori era già agli arresti domiciliari per reati di spaccio di stupefacenti. Grazie all’intervento della polizia del commissariato Appio, la vicenda ha avuto però un finale meno drammatico. 
Tutto era cominciato ad ottobre, quando un ragazzo era stato soccorso all’alba, dalla polizia e dal 118, in un bar di via Mario Menghini dopo che il titolare dell’attività aveva dato l’allarme. Seppur con frasi sconnesse, la vittima aveva raccontato di aver fatto uso di droghe e di essere stato violentato da due “amici”. Le perizie tossicologiche rilevarono la presenza di cocaina e di “Ghb”, un farmaco utilizzato per combattere la dipendenza da alcol: sostanza che se viene assunta in dosi massicce crea uno stato d’incoscienza ed abbatte ogni tipo di difesa. È conosciuta come la “droga degli stupri”. 
Anche il referto del medico del San Giovanni confermò la violenza e la lacerazione di vari parti del corpo, indicando una prognosi di 25 giorni. Il racconto choc della vittima è da brividi: dopo aver cenato ed aver assunto droghe nell’appartamento del detenuto agli arresti domiciliari, sotto minaccia lo hanno stuprato in gruppo e poi abbandonato insanguinato in strada. Se non fosse stato soccorso, non si esclude che i due romani finiti in manette lo avrebbero probabilmente “finito” per evitare che chiamasse la polizia. Le sevizie e lo stupro sono stati ripresi con un telefonino ed il video utilizzato come arma di ricatto nel caso in cui il seviziato li avesse denunciati.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 14 Maggio 2021, 09:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA