Roma, atto vandalico al San Camillo: danni anche in radioterapia. Zingaretti: «Gesto vergognoso»

Lasciati aperti dei bocchettoni idrici, danni alla direzione sanitaria e anche nei reparti più delicati

Video

Roma, danni al San Camillo dopo un atto vandalico nella notte. Qualcuno ha lasciato aperti dei bocchettoni idrici, causando un ingente allagamento che ha devastato i locali che ospitano la direzione sanitaria dell'ospedale e danneggiando anche il reparto di radioterapia.

 

Leggi anche > Roma, istituto Ruiz ancora in dad: dopo i vandali vanno ko i termosifoni

Sul posto, per le indagini, la polizia. L'allagamento ha interessato un intero piano, facendo crollare anche dei controsoffitti nella radioterapia. All'ospedale sulla Gianicolense è giunto anche Alessio D'Amato, che sta verificando i danni insieme al direttore generale del San Camillo, Narciso Mostarda. «Sono dei vili, hanno volutamente lasciato aperte delle bocchette idriche» - ha spiegato l'assessore alla Salute del Lazio - «Un gesto vandalico vile di chi non vuole bene alla comunità professionale del San Camillo, che tanto sta facendo per sconfiggere il Covid e tutte le altre patologie».

SAN CAMILLO; ZINGARETTI: “SABOTAGGIO STRUTTURA PUBBLICA ATTO VERGOGNOSO DA CONDANNARE”

In una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti denuncia: “Quanto accaduto questa notte all’Ospedale San Camillo di Roma è uno scempio. Il sabotaggio di una struttura pubblica è un atto vergognoso da condannare. Il luoghi di cura sono fondamentali per tutta la comunità ed è dovere di tutti noi rispettarli, per il benessere di chi ha bisogno e nel rispetto dei tanti lavoratori della sanità che, in particolare modo, in questi ultimi due anni stanno lottando ogni giorno contro il Covid”.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 31 Gennaio 2022, 19:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA