Rodolfo Laganà: «Mi hanno rubato la sedia a rotelle nell'androne di casa». Poi la buona notizia

Rodolfo Laganà: «Mi hanno rubato la sedia a rotelle nell'androne di casa». Poi la buona notizia

La sedia elettrica posteggiata sotto casa potrebbe essere stata rubata tra il 9 e il 10 gennaio

Rodolfo Laganà, attore e mattatore romano, aveva denunciato di aver subito un furto grave: qualcuno ha rubato la sua sedia a rotelle che si trovava nell’androne del palazzo in cui abita nella Capitale. Un gesto ancora più terribile considerato che Laganà non può farne a meno a causa della sua malattia. Nel primo pomeriggio, poi la buona notizia: la sedia è stata ritrovata. 

 

Leggi anche > Roma, cuscino e sigaretta: il consigliere si collega sdraiato sul divano. «Mica stavo a dormì...»

 

Affetto da sclerosi multipla ormai da tempo l'attore romano della scuola di Gigi Proietti è costretto a utilizzare un supporto meccanico ed elettrico per muoversi. I Carabinieri di Trastevere stanno indagando e cercando i ladri. Secondo quanto riporta Il Messaggero, la sedia elettrica posteggiata sotto casa potrebbe essere stata rubata tra il 9 e il 10 gennaio scorsi e più precisamente tra le 14 di domenica, quando Laganà ha fatto ritorno a casa, e le 10 di lunedì mattina. 

 

I vicini raccontano di non aver sentito alcun rumore, ma è due giorni fa che Laganà ha scoperto che la sua sedia a rotelle non c’era più.  Tra le ipotesi più probabili quella secondo cui i malviventi vogliano smontare la sedia per venderne i pezzi. È escluso invece che il furto possa essere stato messo a segno per danneggiare.

 

Nel primo pomeriggio è stato poi lo stesso Laganà a far sapere che tutto si era risolto: «La carrozzina rubata è stata ritrovata. Vorrei ringraziare tutti per i messaggi di solidarietà e le tantissime dimostrazioni d’affetto» dichiara l’attore Rodolfo Laganà, dopo aver subito lunedì il furto della sedia a rotelle con la quale è costretto a muoversi a causa della sua attuale condizione.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 14 Gennaio 2022, 08:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA