Il sindaco Roberto Gualtieri scrive a Leggo gli auguri ai cittadini di Roma: «Insieme faremo una città grandiosamente normale»
di Roberto Gualtieri*

Il sindaco Roberto Gualtieri scrive a Leggo gli auguri ai cittadini di Roma: «Insieme faremo una città grandiosamente normale»

"Pnnr, Giubileo ed Expo sono occasioni per cambiare"

Care concittadine e cari concittadini, sono felice di potermi rivolgere a voi dalle pagine di Leggo per porvi i miei più affettuosi auguri per il Natale che sta arrivando.
Serenità è la parola che spero accompagni ognuno di voi in questi giorni di festa. Ne abbiamo bisogno, soprattutto per incoraggiare la speranza, senza la quale è più complicato guardare al nostro futuro. Anche il 2021 è stato un anno difficile: i vaccini ci hanno regalato spiragli di luce ma il periodo resta comunque complicato come stanno purtroppo dimostrando le difficoltà che incontriamo nello sconfiggere definitivamente questa maledetta pandemia. Ogni volta che la vittoria finale sembra a portata di mano ecco che spunta un nuovo ostacolo ad impedirci il pieno ritorno alla normalità.
Non ci resta che continuare nell'impegno di trovare quella forza e quelle energie necessarie per noi e per le nostre famiglie e i nostri cari, affinché la realtà ci risulti meno dura di quanto questa continua emergenza ci impone. In questo e non credo di esagerare i romani sono stati (e sono) encomiabili per la loro capacità di affrontare le restrizioni sempre con grande senso di responsabilità. Sottolineo questo aspetto con orgoglio, perché ancora una volta Roma ha fatto emergere il suo innato senso di comunità con una piena e matura consapevolezza dei necessari sacrifici.
Di questo voglio ringraziarvi, anche a nome di tutte le persone che con me sono oggi chiamate ad amministrare Roma: sapere di avere al fianco concittadini così forti e responsabili è di grande conforto. Avremo sempre bisogno del vostro sostegno perché solamente stando uniti con partecipazione e condivisione potremo superare i problemi, cambiare le cose e guardare al futuro con fiducia. La nostra ambizione è quella di andare lontano, di andarci tutti insieme senza lasciare nessuno indietro nessuno per rendere la nostra città sempre più solidale, accogliente, attrattiva, innovativa. Una città dove poter vivere emozioni speciali ma anche un luogo dove sia più semplice vivere.
I giorni delle Feste sono meravigliosi, perché ci si ritrova con la famiglia e gli amici; ci si raccontano esperienze e desideri. Si torna a sognare e a fare buoni propositi. Ecco, in questo Natale facciamo dei buoni propositi anche per la nostra città. Ricordiamo, ad esempio, che l'Albero in piazza Venezia è nato anche con l'intento di avvicinare le persone agli obiettivi Onu per la sostenibilità. Andiamo a conoscerli, a capire come anche le nostre piccole azioni quotidiane possono contribuire a rendere una città migliore, più vivibile per tutti. Noi ce la stiamo mettendo tutta. E non è un modo di dire.
È la volontà di far tornare Roma ad essere una città grandiosamente normale. Di questo abbiamo bisogno: che sia normale e grandiosa allo stesso tempo. Gli sforzi senza sosta perché Roma torni ad essere una città più pulita con meno buche per le strade o abbia un sistema di trasporto pubblico più semplice e funzionale devono accompagnarsi con l'ambizione di far rinascere la nostra capitale. Con i fondi del Pnnr, le opere per il Giubileo del 2025 o la sfida entusiasmante di ospitare l'Expo 2030 abbiamo davanti a noi straordinarie opportunità di buona crescita e di sano sviluppo. Cogliamole tutti insieme per tornare ad essere ancora più orgogliosi di essere romani. Buon Natale a tutti voi, con affetto sincero.


* sindaco di Roma

 

I sindaci Gualtieri e Sala scrivono su Leggo gli auguri ai cittadini di Roma e Milano LEGGI LE LETTERE

 

Il sindaco Giuseppe Sala scrive a Leggo gli auguri ai cittadini di Milano: «Con voi la città riparte ambiziosa e solidale»


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Dicembre 2021, 16:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA