Rifiuti a Roma, per lo smaltimento servono almeno 15 giorni. I medici: «Rischio di crisi igienica»

Rifiuti a Roma, per lo smaltimento servono almeno 15 giorni. I medici: «Rischio di crisi igienica»

L'emergenza rifiuti a Roma durerà almeno altri 15 giorni. La visione delle pile di rifiuti vicine ai bidoni stracolmi, dunque, terranno compagnia ai cittadini della Capitale per almeno un altro paio di settimane: un'emergenza dovuta al fatto che due impianti sono andati in tilt e il sistema di smaltimento è andato in difficoltà. Come scrive oggi il quotidiano Il Messaggero, dopo un vertice ieri al Ministero della Transizione ecologica c'è stato lo sblocco del Tmb di Viterbo e di una discarica nella Tuscia, che accoglierà i rifiuti di Roma fino al 30 giugno insieme a Civitavecchia.

 

Leggi anche > Attrice di 22 anni morta suicida a teatro: choc al Bellini di Napoli

 

Ma secondo l'Ama per tornare alla normalità ci vuole tempo: «Se non ci sono ulteriori brutte sorprese, da lunedì in minimo 10 giorni, massimo 15, si torna alla normalità», le parole dell'amministratore unico Stefano Zaghis, anche se la Regione preme per anticipare i tempi. Dal 1° luglio poi i camion saranno dirottati verso altre cinque regioni (Abruzzo, Puglia, Marche, Friuli e Lombardia) e si sta trattando anche con la Campania. Si tratta però di soluzioni tampone, perché il vero nodo - sottolinea Il Messaggero - è che manca un sito di smaltimento.

 

Roma dovrà presto presentare la mappa delle aree idonee, a partire dalla discarica di Roccasecca, chiusa ad aprile e che il Comune vorrebbe riaprire entro un mese e mezzo. Intanto in tutti i quartieri della Capitale la situazione è insostenibile: rifiuti in strada un po' ovunque, dal Tuscolano alla Balduina, dal Nomentano a Torrevecchia alla Prenestina. E l’ordine dei medici di Roma ha scritto al ministro, al Comune e alla Regione per chiedere interventi urgenti ed evitare il «rischio di crisi igienica per la grave situazione dei rifiuti». «Siamo costretti a usare le mascherine per proteggerci non solo dal Covid ma anche dai miasmi della spazzatura», le parole del presidente Antonio Magi.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Giugno 2021, 20:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA