Rifiuti in strada a Roma, la foto di un lettore: «Ho scritto alla Raggi mesi fa, nessuno interviene»

Rifiuti in strada a Roma, la foto di un lettore: «Ho scritto alla Raggi mesi fa, nessuno interviene»

Cumuli di rifiuti in strada in via di Brava, a Roma: bustone nere, spazzatura di ogni tipo, cartoni, a far diventare un angolo della Capitale una vera e propria discarica. Il tutto a due passi dalla Scuola di formazione di Polizia Penitenziaria. È la denuncia di un lettore di Leggo, Giulio Starnini, che alla nostra redazione ha sottolineato di aver scritto alla sindaca Virginia Raggi lo scorso maggio, ma di non aver avuto risposta: «I rifiuti sono sempre lì. Non è un bel biglietto da vista per i ragazzi che da tutta Italia vengono a fare il concorso alla Scuola di Polizia Penitenziaria di via di Brava», ci scrive Giulio.

Alla sindaca, a maggio scorso aveva mandato una mail «per richiedere un Suo autorevole intervento nei confronti della controllata AMA al fine di far rimuovere alcune situazioni non consone al decoro di Roma», scriveva. «Debbo segnalare infatti che nelle immediate vicinanze della Scuola di formazione di Polizia Penitenziaria in via di Brava (frequentata ogni anno da centinaia di allievi dei corsi ma anche da migliaia di candidati ai concorsi) è presente ormai da anni una discarica abusiva a cielo aperto».

La foto è davvero eloquente, come già detto e vi mostriamo qui in basso: cartone, plastica, la confezione vuota di una tv a schermo piatto, un sottovaso nero, scatole di scarpe, sul selciato c'è di tutto, e nessuno ha ancora pensato di liberare la strada.
«La carreggiata è inoltre invasa da un canneto che impedisce la visuale e rende pericolosa la circolazione», scriveva Giulio alla Raggi. Mesi e mesi dopo, e senza neanche il lockdown di mezzo, nessuna notizia.



 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 13 Agosto 2020, 15:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA