Rapinati da ragazze conosciute in chat, la psicologa Illiano: «Rischi sottovalutati, serve competenza digitale»
di Valeria Arnaldi

Rapinati da ragazze conosciute in chat, la psicologa Illiano: «Rischi sottovalutati, serve competenza digitale»

Rapinati da due ragazze conosciute in chat con cui avevano organizzato un festino. È accaduto a Roma e del caso parla anche Chiara Illiano, psicologa, che lancia un monito ai giovani e non solo sui rischi della rete.

 

Leggi anche > Roma, adescati da due ragazze in chat: due fratelli picchiati e rapinati

 

Donne che rapinano uomini conosciuti in chat. Chiara Illiano, psicologa esperta del mondo digitale dell'Ordine degli Psicologi del Lazio, quali sono i principali pericoli negli incontri online?

«Sono tanti: sexting, pornografia e via dicendo. Il pericolo più grande, però, è nella percezione del rischio stesso. Studi confermano che la gran parte delle persone è certa di saper valutare i rischi in Rete ma non è così».

 

Perché ci si sente tanto sicuri?

«Si tende a sottovalutare il rischio. Conoscendo una persona solo online non si ha mai la reale percezione di chi si ha davanti. Tutti scelgono che immagine presentare di sé attraverso lo schermo. Ben altra cosa è quando la conoscenza è diretta, non solo virtuale, e dunque non c'è soltanto la parte visiva, ma c'è tutta la comunicazione, verbale e paraverbale. La conoscenza dell'altro è molto complessa. La comunicazione non è solo quella scritta, quando abbiamo qualcuno di fronte abbiamo tanti più elementi».

 

Come ci si può difendere in Rete?

«Occorre un'alfabetizzazione digitale anche per gli adulti. Si pensa che valga solo per i ragazzi, ma non è vero, tutti dovrebbero sviluppare una competenza digitale, l'educazione a un uso consapevole di internet, proprio per evitare la sottovalutazione del rischio, che in realtà c'è sempre».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Giugno 2021, 09:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA