Professoressa fuma cannabis con gli studenti minorenni, l'accusa choc di un alunno: «Mi ha offerto anche la cocaina»

A gennaio Alessia Nisticò, insegnante di 48 a Latina, dovrà risponderne davanti al giudice in udienza preliminare

Professoressa fuma cannabis con gli studenti minorenni, l'accusa choc di un alunno: «Mi ha offerto anche la cocaina»

«La professoressa fuma le canne insieme agli studenti». Nei guai una docente di Aprilia, accusata dai suoi alunni minorenni di aver distribuito la droga, offrendo talvolta «anche la cocaina». A gennaio l'insegnante di Laboratorio tecnico professionale di acconciatura dovrà risponderne davanti al giudice in udienza preliminare.

Detenuto esce dal carcere perché «cieco e invalido»: va al ristorante e legge il menù

Studenti sparano in classe al volto alla prof con una pistola ad aria compressa: il video choc finisce sui social

La vicenda

Alessia Nisticò ha 48 anni, è di Aprilia, ma insegna a Latina. Il suo caso ha preso piede dopo la denuncia di un'ex alunna. «Dopo pranzo la professoressa ha tirato fuori una canna e ha iniziato a fumare, per poi passarla ad alcuni studenti lì presenti», ha detto davanti agli investigatori della squadra mobile di Latina è una 21enne pontina, ex studentessa della Formazione e Lavoro, agenzia della Provincia, con sede in via Epitaffio, una struttura messa su dalla Regione per garantire ai giovani del basso Lazio formazione professionale, riporta Repubblica.

La versione è stata confermata da altri studenti, tanto che il 25 gennaio prossimo in udienza preliminare il giudice Giorgia Castriota deciderà se rinviarla a giudizio. Una testimone ha riferito che nel luglio 2020 una alunna è stata a casa della professoressa, che le avrebbe offerto una canna e che per questo motivo si sarebbe sentita male. Versione confermata poi agli inquirenti dalla protagonista. «Mi sembra che una delle mie compagne volesse fumare della cannabis – ha detto al magistrato - e chiedeva a noi se avevamo qualcosa. A quel punto la Nisticò ha tirato fuori una canna e l’ha data a una delle mie compagne. Io ho fatto un tiro solo, mi ha iniziato a girare la testa. Poi la professoressa mi ha tranquillizzata, mi ha messo un asciugamano bagnato dietro al collo e mi ha dato un bicchiere d’acqua. Poi mi sono ripresa».

Bocciatura ingiusta, Debora vince la causa contro la scuola e riceve 10mila euro. «La prof mi odiava»

«Mi ha offerto la cocaina»

Un altro testimone ha raccontato che oltre alle canne, la professoressa faceva uso di altre sostanze e le offriva agli studenti. «La professoressa in alcune circostanze raccontava alla classe di far uso di sostanze stupefacenti e di aver anche fatto uso di cocaina», dice uno studente. «Mi chiese se volevamo andarci a fumare una sigaretta, fu lì che mi chiese se volevo provare qualcosa che non era riconducibile a droghe leggere, credo intendesse cocaina». A queste parole si aggiunge la testimonianza di una collega: «Mi avevano detto della cocaina, ma a quelle parole non diedi peso, pensavo fossero voci infondate». Il giudice Castriota dovrà ora decidere se disporre un processo per la prof, che dopo la denuncia ha continuato a insegnare.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 7 Novembre 2022, 11:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA