«Ambulanza in ritardo», Paula morta in casa per ulcera perforante. La famiglia denuncia: omicidio colposo

Il 118 sarebbe stato chiamato quattro volte prima dell'arrivo dei soccorsi. La 23enne è morta mentre i medici provavano a rianimarla

«Ambulanza in ritardo», Paula morta in casa per ulcera perforante. La famiglia denuncia: omicidio colposo

di Redazione web

Morta a 23 anni per un'ulcera duodenale perforata. Ma secondo la sua famiglia, Paula Onofrei poteva essere salvata, se l'ambulanza non avesse fatto tardi. Due ore e mezza, sarebbe il tempo impiegato dal 118 per prestare soccorso a Casalotti, quartiere di Roma, dove viveva la ragazza. 

Bambino di 5 anni precipita dalle scale e muore a scuola, assolta la maestra di sostegno

Il figlio muore a 21 anni, il papà chiede lo sperma per la fecondazione: «Aiutatemi a diventare nonno»

Cosa è successo

La morte di Paula, nata in Romania ma residente a Roma, risale al 23 luglio scorso. Due giorni prima era stata in pronto soccorso, dopo aver accusato forti crampi addominali, con un dolore che dalla bocca dello stomaco va fino all'inguine. Per i dottori però, non c'è nulla di preoccupante. Così la ragazza è tornata a casa con qualche antidolorifico. Dopo 24 ore però la situazione peggiora. Ad assistere la giovane c'è sua sorella Rebecca, preoccupata per come si sta mettendo la situazione. Per tutto il giorno Paula non riesce ad alzarsi dal letto. La mattima seguente, sabato 23 luglio, dice alla sorella «non sento più mani e piedi», ed è lei a chiamare il 118.

Le quattro chiamate al 118

Secondo la famiglia di Paula Onofrei, la prima chiamata al 118 è stata alle 13.03. L'operatore risponde che avrebbero subito inviato un'ambulanza, ma passa il tempo e non si vede nessuno. Così circa un'ora dopo, alle 14.13, arriva la seconda chiamata. «Non ha più sensibilità alla lingua», dice Rebecca Onofrei all'operatore. Ma la storia non cambia. L'ambulanza non si vede ed è necessaria una terza chiamata, alle 14.57, quando la situazione è ormai drammatica: «Scusate, è la terza volta che chiamo, mia sorella sta peggiorando e ora non vede più, ha il corpo viola». Così alle 15.29, per la quarta volta, Rebecca richiama il 118. A quel punto, urla: «Mia sorella sta peggiorando, che cavolo fate?».

La morte e la denuncia

Da Prima Porta parte un mezzo che arriva in circa dieci minuti. Tentano di rianimarla ma alle 17.14 il medico constata il decesso, riporta Il Messaggero. L'autopsia svelerà poi che la 23enne è stata uccisa da uno choc settico secondario ad ulcera duodenale perforata complicata da una peritonite e da una polmonite. «Non vogliamo giungere a conclusioni affrettate ma siamo in fiduciosa attesa della magistratura per capire bene che cosa è successo. Bisogna fare luce», racconta Aurelio Padovani, l'avvocato della famiglia che ha presentato denuncia contro ignoti per omicidio colposo.


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Ottobre 2022, 08:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA